Distrugge lo specchietto all'auto in corsa e fugge: ha tre giorni per andarsene

Un uomo di origine africana, già noto per alcuni gesti sconsiderati e avviato all'espulsione, ha danneggiato l'auto di una padovana senza alcun apparente motivo

Viaggiava tranquillamente a bordo della sua auto quando un improvviso rumor sordo l'ha fatta trasalire. Era uno specchietto che andava in pezzi, costato la denuncia a un 31enne.

L'episodio

L'inspiegabile atto vandalico risale a giovedì e si è consumato a Piazzola sul Brenta. Una 45enne del posto stava percorrendo via Roma a bordo della sua utilitaria. Arrivata all'altezza del ponte sul fiume che porta verso Campo San Martino, ha sentito un botto violento sulla carrozzeria. Era uno degli specchietti del veicolo, colpito da un oggetto. A scagliarlo, scopriranno gli inquirenti, era stato il 31enne ghanese A.Y.

La denuncia

Fondamentale per rintracciarlo è stata la testimonianza della vittima, che fermandosi lo ha notato scappare lungo l'argine. Sul greto lo hanno rintracciato poco dopo i carabinieri, bloccandolo al culmine dell'ennesimo tentativo di fuga. Portato in caserma e identificato, si è scoperto che il giovane pochi giorni prima era già finito in questura dove nei suoi confronti era stato emesso un decreto di espulsione. Denunciato per danneggiamento, lo straniero è noto in paese per alcuni atteggiamenti molesti dovuti ad alcuni problemi di natura psicologica. Entro il 22 luglio l'uomo dovrà lasciare il Paese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento