Avevano seminato il panico in periferia con una raffica di furti: denunciati due fratelli

Di origine tunisina: le indagini sono partite dalla compravendita di una fede nuziale, trovati nella loro abitazione anche 19 cellulari e bottiglie di alcolici rubate

Fratelli. E complici: il 34enne M.J. e il 37enne A.J., entrambi tunisini regolari, sono stati denunciati dai carabinieri rispettivamente per furto e per favoreggiamento e occultamento.

I fatti

I due nordafricani, che convivono nella stessa abitazione, sono accusati di aver compiuto numerosi furti in alcuni locali di Selvazzano Dentro. Tutto ha avuto inizio il 17 dicembre 2018, quando i due uomini sono penetrati nel bar "127" di Tencarola sottraendo 300 euro di fondo cassa e una fede nuziale: il 34enne, poi, ha subito venduto a un "compro oro" della zona l'anello, che è stato a sua volta rivenduto dal proprietario al fratello. Un "passaggio" che ha insospettito i carabinieri, i quali si sono recati nella loro abitazione per effetturare una perquisizione. Che ha dato i suoi frutti: i militari dell'Arma hanno rinvenuto 19 cellulari, 8 bottiglie di alcolici vari sottratti al "Bar Tosca" di San Domenico di Selvazzano Dentro il 31 dicembre, un carnet di assegni rubati in una vicina enoteca e una carta d'identità contraffatta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento