Rubò le offerte in chiesa: ladro sacrilego identificato grazie alla querela del parroco

Un quarantanovenne italiano è accusato di essere l'autore del colpo messo a segno a inizio marzo ai danni di una parrocchia dell'hinterland dove si è impossessato delle offerte

I carabinieri davanti alla chiesa arcipretale di San Martino a Vigodarzere

La querela sporta dal parroco di San Martino a Vigodarzere ha permesso di rintracciare il presunto responsabile del furto ai danni della parrocchia commesso lo scorso 9 marzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il furto e le indagini

Quel giorno, un lunedì, il sacerdote aveva trovato forzata e aperta la porta della sagrestia annessa alla chiesa di via Roma. Dall'interno era sparito il cestino in cui erano conservate le monete e banconote raccolte durante le funzioni religiose del giorno precedente durante l'offertorio. Del colpevole non v'era traccia e il religioso si era pertanto recato in caserma per denunciare il fatto. Una lunga indagine con raffronti e incrocio di dati ha permesso di identificare colui che è ritenuto l'autore materiale di quel colpo. Gli inquirenti sono infatti risaliti a P.I., 49enne padovano già noto alle forze dell'ordine, che lunedì mattina si è visto recapitare una denuncia per furto aggravato che consentirà ulteriori sviluppi investigativi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento