Convivenza degenerata, minaccia la coinquilina armata di coltello e le cambia la serratura

Una donna vicentina deve rispondere di violenza privata e minaccia aggravata nei confronti della donna con cui condivide un appartamento nell'hinterland del capoluogo

(foto: archivio)

Qualche battibecco sulla gestione della casa, poi attriti sempre più pronunciati, fino a minare alla base una convivenza diventata ormai insopportabile. Almeno per la 53enne denunciata dai carabinieri, che per risolvere la situazione si è armata e ha impedito alla coinquilina di entrare in casa.

Dai dispetti alla denuncia

L'indagine che ha portato alla denuncia è scaturita dalla querela sporta dalla vittima, una napoletana di 32 anni che insieme alla vicentina viveva in affitto in un appartamento di Selvazzano. Quali siano i reali motivi delle ruggini tra le due donne e cosa abbia scatenato gli episodi più eclatanti stanno ancora tentando di chiarirlo gli inquirenti, che hanno elevato il provvedimento per consentire ulteriori approfondimenti sulla vicenda. Qualche giorno fa la campana ha raccontato in caserma le angherie subite, in particolare le minacce ricevute dalla 53enne che le ha puntato addosso un coltello e il cambio della serratura, effettuato dalla vicentina approfittando di un'uscita della coinquilina. Non potendo più entrare in casa propria la napoletana ha deciso di reagire, permettendo ai carabinieri di raccogliere prove sufficienti ad accusare A.A.M. di minaccia aggravata e violenza privata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento