La giustizia fai-da-te lo porta alla denuncia: bastona e insegue il rivale, auto carica di armi

Un sessantenne deve rispondere di una serie di accuse dopo l'aggressione nei confronti di un conoscente. Si è costituito, ma la perquisizione lo ha messo ulteriormente nei guai

I carabinieri di Conselve con le armi e gli oggetti sequestrati

Una spedizione punitiva in salsa passionale avrebbe portato domenica alla denuncia di un 60enne di origine romena che da anni vive regolarmente a Conselve. Autista fino a ieri incensurato, i dissapori con un un vecchio amico di famiglia lo hanno reso protagonista di un pomeriggio ad alta tensione.

L'aggressione al bar

Tutto comincia in un bar dove si trova l'ex amico, un 52enne anche lui nato in Romania e residente a Conselve. É pomeriggio quando sulla soglia compare il 60enne brandendo un nunchaku (arma tradizionale asiatica formata da due bastoni uniti da una catena). Si avvicina al rivale e lo colpisce prima alla testa e poi alla spalla. Il 52enne terrorizzato esce, inforca la bicicletta e scappa verso casa. L'angoscia però non si placa, perché l'altro lo segue in auto cercando di investirlo, tanto che la vittima abbandona il mezzo e fugge a piedi attraverso dei terreni privati.

Rapporti tesi

Seminato l'aggressore va in caserma e gli inquirenti si mettono sulle tracce del 60enne. Pare non ci sia alcun motivo concreto per giustificare tanta furia: i due romeni si conoscono da anni e un tempo erano amici. Poi sono subentrati gli screzi, il più vecchio accusava l'altro di lanciare qualche occhiata di troppo alla moglie, e i rapporti si sono logorati. Pochi giorni fa l'ennesima lite e ieri l'aggressione.

Le perquisizioni

La svolta arriva in serata quando in caserma si presenta proprio il 60enne. Si costituisce, ma visto lo strumento usato al bar i carabinieri vogliono andare a fondo e gli perquisiscono l'auto. Dentro ci sono una pistola scacciacani e una a gas con relative munizioni, una mazzetta, un bastone e due bombolette di spray urticante oltre al nunchaku. A casa la situazione peggiora ulteriormente con il ritrovamento di un'accetta e un machete.

Tripla denuncia

Tutti oggetti sequestrati che al 60enne H.G. sono valsi l'accusa di porto abusivo di armi e oggetti atti a offendere. A questa si aggiungono quelle di minacce e percosse verso il 52enne, che non ha avuto bisogno di andare al pronto soccorso.

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Fine mese all'insegna dei cantieri: strade chiuse fino a due mesi tra il centro e i quartieri

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Drammatico incidente stradale nella Bassa: 36enne muore in ospedale per le gravi lesioni subite

Torna su
PadovaOggi è in caricamento