Forzarono un posto di blocco, poi lo schianto: sospetti ladri incastrati dopo sette anni

Un'indagine per una sequela di furti in appartamento ha permesso di risalire a tre uomini che nel 2012 fuggirono dopo un incidente. Nell'auto c'erano refurtiva e arnesi da scasso

(foto: archivio)

Nel 2012 erano riusciti a seminare le forze dell'ordine dopo una rocambolesca fuga culminata con uno schianto in auto. Oggi, a sette anni di distanza, sono stati denunciati perché sospettati di essere dei topi d'appartamento.

L'indagine sui furti in casa

A indirizzare i carabinieri sulla pista giusta sono state le risultanze di un'indagine avviata a Carmignano di Brenta dopo una serie di furti consumati nel 2017 in diverse abitazioni del Padovano e del Vicentino. Quell'inchiesta ha portato all'arresto di alcune persone, tra cui uno degli uomini denunciati in questi giorni. Nei vari sopralluoghi i Ris hanno raccolto dei campioni biologici appartenenti ai ladri e proprio quelle tracce di dna sono state la chiave per trovare la soluzione a un caso vecchio di sette anni.

La fuga

Comparando i profili biologici gli inquirenti hanno trovato una corrispondenza con le tracce repertate nella Audi A4 che la notte del 5 ottobre 2012 si schiantò in via Maglio alle porte di Fontaniva. A bordo c'erano tre persone, sospettate di essere dei ladri, che forzarono un posto di blocco innescando un rocambolesco inseguimento terminato con l'incidente. Gli occupanti avevano abbandonato il veicolo scappando per i campi. A bordo c'erano oggetti rubati e arnesi per lo scasso, perciò tutte le tracce biologiche furono campionate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le accuse

Nei giorni scorsi è arrivato il responso: sull'Audi viaggiavano gli stessi uomini che negli anni successivi hanno depredato le abitazioni. Sono il 32enne R.I., già in carcere per quei reati, il 31enne K.M. e il 23enne R.F., tutti di origine albanese che gravitavano fra l'Alta e il Vicentino. Per i fatti del 2012 devono rispondere di resistenza, ricettazione e porto abusivo di grimaldelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

Torna su
PadovaOggi è in caricamento