Madre e figlio truffati: vogliono vendere la lavatrice, perdono quasi duemila euro

Dagli elettrodomestici alle piastrelle, sono altre due le persone denunciate nelle ultime ore dai carabinieri per raggiri commessi su internet ai danni di padovani

La piaga delle truffe online non accenna a placarsi e altri tre padovani sono finiti nella trappola in rete. Si tratta di madre e figlio di Trebaseleghe e di un 35enne di Tribano.

Raffica di versamenti

I primi due sono caduti nella classica "truffa al contrario", in cui la vittima mette in vendita un oggetto ma anziché ottenere dei soldi finisce per perderli. A gennaio hanno pubblicato su un noto sito l'annuncio di vendita per una lavatrice usata. Li ha contatti un macedone di Treviso fingendo di volerla acquistare, ma ha convinto la 46enne e il figlio 20enne a inviargli prima un bonifico per verificare che il canale di pagamento fosse sicuro. Millantando un problema, ha detto che i soldi non erano arrivati e ha consigliato di riprovare. Cosa che le vittime hanno fatto, più e più volte. Gli hanno inviato 1.860 euro prima di perdere ogni contatto e di capire che quei soldi non li avrebbero più rivisti. Raccontando la vicenda ai carabinieri hanno fatto partire le indagini che mercoledì hanno portato alla denuncia del 21enne D.A., già noto alle forze dell'ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sparizione dopo il bonifico

E pregiudicato è anche il 63enne T.M., nato a Fratta Polesine ma residente a Torino. Per i carabinieri è lui l'artefice della truffa che ha colpito un 35enne di Tribano. Stavolta i ruoli sono invertiti: è stato il truffatore a mettere in vendita una serie di piastrelle, che il padovano voleva acquistare. Dopo avergli bonificato i 60 euro richiesti il rodigino ha però tagliato ogni contatto senza mai consegnare la merce, costringendo l'altro a rivolgersi ai militari di Tribano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Clamoroso, dopo 2 giorni di attività il Gasoline chiude: «Troppi rischi, gettiamo la spugna»

  • Ubriachi, senza mascherina e assembrati in piazza: un 23enne viene arrestato (Il video)

  • Schianto fatale contro un platano: donna muore tra le lamiere della sua auto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento