Truffa dello specchietto: nuovo caso in provincia. Preso di mira un anziano

A due settimane dall'arresto di un noto truffatore che imperversava nell'Alta, mercoledì un giovane è stato denunciato in zona Colli dopo aver cercato di raggirare un uomo del posto

(foto: archivio)

Deve rispondere di tentata truffa il 19enne siciliano individuato ieri a Monselice dopo la segnalazione di una potenziale vittima che ha allertato i carabinieri.

Tentativo sfumato

La trappola è scattata mercoledì lungo le strade della cittadina, dove un 69enne padovano alla guida della sua auto si è sentito colpire la carrozzeria. La scena che gli si è presentata è quella già vista tante altre volte: un ragazzo che gli fa segno di accostare e che una volta scesi lo aggredisce verbalmente accusandolo di averlo urtato rompendogli uno specchietto. L'anziano fortunatamente non ci è cascato e resosi conto che il giovane gli aveva lanciato una biglia contro la portiera ha chiamato il 112.

La denuncia

Il 19enne in tutta fretta è risalito sulla sua Volkswagen Polo allontanandosi. Raccolta la segnalazione del 69enne è cominciata la caccia all'uomo, terminata quando una pattuglia ha intercettato il ragazzo a bordo dell'auto. Pur avendo tentato di negare, è stato trasferito in caserma e denunciato. R.G. risulta residente a Noto, lo stesso paese di Paolo Mirabile, 21enne arrestato il 2 maggio in quanto autore di numerosi episodi della famigerata truffa. Al momento non risultano però collegamenti diretti fra i due giovani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Tremendo frontale tra un'utilitaria e un camion, una donna muore nello schianto

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento