Coppia in crisi, chiude fuori la moglie nel cuore della notte: interviene il negoziatore

É servito l'intervento di un carabiniere specializzato per convincere il marito a far rientrare la donna con cui attraversa un momento di crisi. In casa anche tre bimbi piccoli

(foto: archivio)

Un matrimonio incrinato, le liti sempre più frequenti. Lei esce con le amiche e al ritorno trova la porta sbarrata mentre in casa ci sono i bimbi che fortunatamente non si sono accorti di nulla. Solo l'intervento dei militari nel cuore della notte ha sbloccato la situazione finita con la denuncia dell'uomo.

L'allarme

Sono le 3.30 di lunedì quando la donna, una 34enne che vive a Montà, chiama il 112: «Mio marito non mi lascia entrare in casa, dentro ci sono i miei bambini» racconta. I carabinieri si recano sul posto, con loro c'è anche un negoziatore che interviene nelle situazioni critiche. Lei li aspetta in strada e mentre per più di un'ora il negoziatore intavola una trattativa con l'uomo, la donna chiarisce la girandola di eventi che li ha portati lì.

Porte sbarrate e litigi

Si scopre che la coppia, 43 anni lui e 34 lei, italiani e incensurati, da qualche tempo è in crisi. Hanno tre bambini, il più piccolo ha solo pochi mesi. Lei vuole più libertà, lui è sempre più geloso. Domenica pomeriggio la donna esce con le amiche ma quando rientra, alle 22, trova la porta chiusa dall'interno con un chiavistello. Suona, ma il marito non ha intenzione di aprire. Lei riesce a entrare dalla portafinestra di un bagno, ma a quel punto scoppia una lite. Grida, insulti, qualche spintone. La 34enne minaccia di andare al pronto soccorso a denunciare delle percosse che dalle indagini non trovano comunque riscontro.

La resa e la denuncia

Esce e l'uomo oltre alla porta d'ingresso blocca anche quella del bagno. E la scena si ripete quando alle 3 la donna tenta di rientrare. Inutili i richiami,lei chiama i carabinieri e solo dopo un'ora lui accetta di farli entrare. Si è calmato, ma la denuncia è inevitabile. Per aver impedito alla moglie di entrare in casa dove c'erano anche i bambini, è ora accusato di violenza privata. I piccoli sono in ottima salute e non si sarebbero resi conto del parapiglia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    «Siamo ai 220», poi lo schianto fatale: 35enne padovano muore dopo la diretta Facebook

  • Cronaca

    Corso Australia, il cemento liquido provoca una bolla di 50 cm. Micalizzi: «Salvaguardiamo la viabilità»

  • Cronaca

    Trova portafogli con 7mila euro e lo restituisce: il bel gesto del turista trenti

  • Meteo

    Maltempo, dichiarata criticità idrogeologica e idraulica anche per Padova e provincia

I più letti della settimana

  • Dramma della solitudine: giovane stroncata in casa, era morta da giorni

  • Blitz in azienda, quasi metà degli operai sono irregolari. Pesanti sanzioni in arrivo

  • «Siamo ai 220», poi lo schianto fatale: 35enne padovano muore dopo la diretta Facebook

  • Scuolabus si ribalta: undici bambini feriti. Catturato l'autista in fuga, aveva bevuto

  • Il finocchio: le sue proprietà, le controindicazioni e gli usi in cucina

  • Pauroso frontale a Rubano: donna di 84 anni muore nello schianto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento