Nell'auto degli amici con la borsa colma di droga: si indaga sui compagni-complici

Controllo stradale fruttuoso per i carabinieri di Selvazzano, che grazie all'occhio vigile hanno sequestrato un'ingente quantità di stupefacente. Il pusher è stato arrestato

A incastrarli è stato gesto sospetto, che non è sfuggito ai carabinieri e ha portato all'arresto di uno spacciatore e alla denuncia di altre tre persone.

L'avvistamento

L'operazione è scattata all'alba di lunedì durante un posto di blocco allestito a Selvazzano. Alle 5 i militari di pattuglia hanno fermato un'automobile con quattro stranieri a bordo, tre uomini moldavi e una donna romena. Mentre il veicolo accostava uno dei passeggeri si è vistosamente piegato per nascondere qualcosa sotto al sedile: una mossa fulminea, che però è stata notata da uno dei carabinieri.

Prove schiaccianti

Dopo aver controllato i documenti del conducente è scattata la perquisizione del veicolo che ha portato al ritrovamento del misterioso oggetto. Si tratta di un sacchetto di plastica con 480 grammi di fiori essiccati di marijuana, da raffinare e dividere in dosi prima della vendita. Un bottino che immesso sul mercato avrebbe fruttato migliaia di euro, costato l'arresto immediato al 37enne moldavo Ruslan Iordachii, autore del goffo tentativo di depistaggio. A peggiorare la sua situazione anche il recupero quattro di cellulari, tratto distintivo dei pusher che ne possiedono più di uno per organizzare le compravendite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arresto e denunce

Mentre Iordachii veniva portato nelle camere di sicurezza della caserma in attesa del processo per direttissima fissato per la mattinata, gli altri tre occupanti venivano denunciati in concorso, anche loro con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio. Resta al vaglio degli inquirenti la posizione dei due moldavi S.P. (48 anni) e S.H. (31) e della romena G.N. (47). Le indagini proseguiranno per stabilire il ruolo dell'arrestato nel mondo del narcotraffico padovano e le responsabilità di quelli che, al momento, sono ritenuti i suoi probabili complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Clamoroso, dopo 2 giorni di attività il Gasoline chiude: «Troppi rischi, gettiamo la spugna»

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Gli cade addosso la fresatrice mentre la carica con un muletto: muore imprenditore

Torna su
PadovaOggi è in caricamento