Tribunale riconosce divorzio "marocchino": senza attese e con dono di consolazione

Per la prima volta un giudice ha "saltato" la parte della separazione e ha applicato la legge del Marocco, Paese di origine di moglie e marito, facendo sì che i due coniugi ponessero fine immediata al loro rapporto

Protagonista della vicenza una coppia poco più che ventenne, lui arrivato in Italia da bambino e lei nata nel Belpaese da genitori marocchini. I due si sono sposati nel 2014 ma il loro matrimonio è naufragato in breve tempo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DIVORZIO ALLA MAROCCHINA.

Si sono quindi rivolti al tribunale per mettere la parola fine alla loro unione applicando però l’ordinamento del Maroccoche, a differenza dell'Italia dove seppur con la forumula breve il divorzio avviene tra i sei e dodici mesi, prevede l'interruzione immediata. Il tribunale padovano ha quindi accolto la loro richiesta con il pagamento del sadaq (dono di matrimonio) e di quello "di consolazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento