Etra: Natale sostenibile, alcuni consigli per ridurre la produzione di rifiuti evitando sprechi

«Nel territorio di Etra la raccolta differenziata arriva a risultati di eccellenza: abbiamo chiuso il 2019 al 75,2%», spiega il Presidente di Etra Andrea Levorato

Per Natale basta davvero poco per organizzare e vivere la Festa in modo sostenibile, riducendo i rifiuti e gli sprechi ma senza rinunciare a decorazioni, piaceri della tavola e scambi di regali. «Nel territorio di Etra la raccolta differenziata arriva a risultati di eccellenza: abbiamo chiuso il 2019 al 75,2% – spiega il Presidente di Etra Andrea Levorato – Insomma, sono riciclabili oltre sette chilogrammi di rifiuto ogni dieci conferiti! Questo è il nostro regalo di Natale all’ambiente, ma possiamo fare ancora di più, rendendo il Natale una Festa Sostenibile!».

Tutti i consigli

Ecco dunque alcuni consigli per ridurre la produzione di rifiuti e evitare sprechi. Partiamo dall’albero. Se preferisci l’abete finto, perché non realizzarne uno in cartone, utilizzando materiale di scarto? Se invece non vuoi rinunciare a un abete vero, non mandarlo in pensione dopo l'Epifania. Piantalo in giardino o in un vaso più grande, qualora le radici siano cresciute. Gli alberi senza radici rientrano nella raccolta differenziata del verde. E le luci di Natale? Certo, sono un elemento fondamentale per creare un’atmosfera magica: fai però attenzione a utilizzare lampadine a basso consumo o a led, e ricorda di spegnerle quando non sei in casa. Per impacchettare i regali, scegli confezioni e imballaggi poco ingombranti, e soprattutto materiali che siano completamente recuperabili. Oppure riutilizza in modo creativo quello che hai in casa: sacchetti di stoffa, nastri, fili di lana, possono tornare utili per simpatiche composizioni “fai da te”.

Stoviglie lavabili

Tra le voci di maggior spreco delle feste natalizie rimane quella del cibo, nell’ordine di migliaia di tonnellate ogni anno: a tavola non serve esagerare con le quantità, meglio concentrarsi sulla qualità delle portate, possibilmente scegliendo prodotti locali. E non buttare via nulla: qualsiasi piatto può essere trasformato ed essere ripresentato in una forma diversa e ancora più appetibile. Per limitare la produzione di rifiuti, apparecchia la tavola con stoviglie lavabili; e l’acqua si può prendere direttamente dal rubinetto, perché è buona, controllata e permette di evitare l’acquisto di bottiglie di plastica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Differenziare sempre

Nonostante le attenzioni, non tutti i rifiuti si possono evitare, ma l’importante è comunque differenziare. Il Consorzio nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica ha calcolato che, se ogni italiano a Natale differenziasse correttamente una confezione di panettone, una di pandoro, una di torrone, due scatole di pasta, due giornali e due riviste, due sacchetti e la scatola di un giocattolo, si raccoglierebbero ben 120 mila tonnellate di carta e cartone! Per i contenitori, ad esempio quelli di pandori e panettoni, bisogna separare il cartoncino esterno dal cellophane che avvolge l’alimento, gettando il cartoncino nella carta e il cellophane nella plastica. Ultimo suggerimento: durante le feste ti piace vedere la tua città ordinata e pulita? Bene, allora informati sulle possibili variazioni nei giorni di raccolta dei rifiuti, per esporre i tuoi sacchetti e bidoni nel momento giusto! Consulta il calendario e l’app di Etra per organizzarti al meglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mascherine Grafica Veneta, da mercoledì 24 la distribuzione in 41 supermercati di Padova

  • Covid: quattro morti in provincia di Padova, anche il custode di Villa Marin

  • «Chiudiamo i distributori a partire da mercoledì 25»: l'annuncio dei benzinai

  • Covid19, l'aggiornamento serale su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Il professor Basso: «Neppure durante la peste si è chiuso tutto. E morì metà popolazione»

  • «70mila mascherine distribuite gratis in farmacia da martedì 24»: ecco come ritirarle

Torna su
PadovaOggi è in caricamento