homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

“Faccia d'angelo”, in tv le “gesta” dell'ex boss della Mala Felice Maniero

L'attore Elio Germano interpreta nella miniserie Sky in onda il 12 e 19 marzo il capo della Mala del Brenta che ha imperversato in Veneto con rapine, assalti a portavalori, colpi in banca, nonché il celebre furto a Padova della "lingua del Santo"

Elio Germano nei panni di Felice Maniero

Lunedì 12 e 19 marzo la “Faccia d'angelo” di Elio Germano vestirà i panni dell'ex boss della Mala del Brenta Felice Maniero. Le sue “gesta” saranno al centro della miniserie prodotta dalla Goodtime e da Sky Cinema. Proprio sul canale satellitare a pagamento, alle 21, andranno in onda le due puntate. Oltre all'attore “palma d'oro” a Cannes nel 2010 nel ruolo di protagonista, nel film tv diretto da Andrea Porporati ci sarà anche Katia Ricciarelli quale interprete della madre di Maniero Lucia Carrain.

LA MALA DEL BRENTA. Molte delle scene sono state girate in Veneto, dove l'ex boss - che dal 2010 è tornato in libertà ricostruendosi una nuova vita sotto falsa identità fuori dalla regione - ha imperversato dagli anni Settanta con feroci rapine, sanguinosi assalti a portavalori, colpi in banche e in uffici postali, omicidi, traffico di armi, droga e associazione mafiosa.



LA LINGUA DEL SANTO. Scalpore fece il furto della “lingua del Santo”, la reliquia di Sant'Antonio custodita nella basilica di Padova. Era il 10 ottobre del 1991 quando tre banditi rubarono quella che in realtà non era la lingua – come richiesto dal boss Maniero – bensì il mento del Santo, quale oggetto di scambio per costringere lo Stato a liberare il cugino Giulio e la revoca della misura di sorveglianza a suo carico. La reliquia venne ritrovata il 20 dicembre 1991 a Roma, vicino all’aeroporto di Fiumicino.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Rivoluzione viabilità in viale Codalunga, via i semafori: al loro posto tre nuove rotonde

    • Cronaca

      Lutto nel mondo universitario: è morta Bianca Maria Da Rif, docente di Lettere a Padova

    • Sport

      Tacopina: "Prenderemo il Padova a calci in c...". Bitonci: "Aspetto le sue scuse"

    • Cronaca

      Pensionato si uccide nel ricovero attrezzi di casa, a trovarlo già morto la figlia

    I più letti della settimana

    • Tragico incidente in tangenziale, auto contro camion in corso Boves: muore una donna

    • Tragedia a Due Carrare, anziano si spara un colpo di fucile allo stomaco

    • Una messa in ricordo di Giorgia Libero, sette giorni dopo la sua tragica morte

    • Doppio incidente in A4 tra Padova Est e Venezia: traffico con 10 chilometri di code

    • Incendio a Teolo, distrutto il capannone di un'azienda agricola con dentro due trattori

    • Arrivano nella città del Santo gli Apl Smart, prenderanno il posto degli "odiati" dossi

    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento