Musica, laboratori creativi e spazi di ascolto: la Regione finanzia 43 progetti padovani per ragazzi

Sono alcuni dei 143 “progetti giovani” attivi in Veneto per iniziativa di comuni, associazioni, enti del terzo settore e rivolti ai ragazzi dai 15 ai 29 anni

Ragazzi impegnati nei mesi estivi nei lavori di manutenzione del verde e degli spazi pubblici, ‘case’ della musica dove giovani talenti in erba possano cimentarsi con prove strumentali e concertini, laboratori informatici dove i più giovani insegnano l’abc del computer ai ‘senior’ dai capelli d’argento, spazi di ascolto psicologico  nelle scuole per offrire un terreno neutro e competente di dialogo e di consulenza negli anni burrascosi dell’adolescenza,  laboratori di falegnameria, di ceramica o del pane dove il ‘maestro’ di bottega insegna ai più giovani il gusto dei mestieri di una volta, aule attrezzate per imparare a diventare ‘videomaker’: sono alcuni dei 143 “progetti giovani” attivi in Veneto per iniziativa di comuni, associazioni, enti del terzo settore e rivolti ai ragazzi dai 15 ai 29 anni.

I progetti

«La Regione Veneto garantisce continuità anche per il prossimo biennio – dichiara l’assessore al sociale Manuela Lanzarin – a queste  iniziative che nascono dal basso, con la regìa del comitato dei sindaci e dei rispettivi piani di zona. I finanziamenti, provenienti dal riparto del Fondo nazionale per le politiche giovanili, ammontano a un milione e 300mila euro e saranno suddivisi tra i 21 ambiti territoriali (ex Ulss) in base alla percentuale di popolazione giovanile. Sona decine di migliaia i giovani coinvolti da queste esperienze che hanno un triplice valore: scambi intergenerazionali tra giovani e meno giovani, attività di socializzazione che aiutano a prevenire solitudine e disagio, laboratori creativi dove i ragazzi possono esprimere le proprie passioni e far crescere le proprie competenze. Il fine ultimo è promuovere l’aggregazione e lo spirito di comunità, rendere i ragazzi protagonisti di esperienze di impegno e di cittadinanza attiva in modo coinvolgente, qualificante e gratificante». I fondi regionali (integrati da una quota di cofinanziamento locale pari al 25 % del valore del progetto) daranno continuità ai progetti in essere, nell’ambito della programmazione dei piani di zona. Tra i territori più dinamici nel proporre e realizzare progetti di animazione giovanile sono da segnalare Padova e cintura, con 43 progetti finanziati, il Bellunese, con 18 progetti attivati e finanziati, e i due ambiti del Feltrino e dell’Alta Marca,  ciascuno con una decina di progetti finanziati.

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Spaventoso incidente al semaforo: tre feriti, due sono bambini. Auto distrutte

Torna su
PadovaOggi è in caricamento