homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Basta alle violenze sulle donne, a Padova arriva il “Frozen mob”

Appuntamento oggi, mercoledì 10 aprile 2013 in Piazza dei Signori alle 18.30 per il flash mob voluto dagli studenti dell'Università di Padova con lo scopo di sensibilizzare gli uomini sempre protagonisti delle violenze sulle donne

Gli organizzatori del Frozen mob (foto da Facebook)

“E tu invece?” ecco il nome scelto per la campagna di comunicazione sociale sulla violenza contro le donne voluta dagli studenti del corso di Comunicazione Sociale della laurea magistrale in Strategie di Comunicazione dell’ateneo di Padova. Lo scopo è quello di denunciare pubblicamente questi abusi che le donne sono costrette a subire (in Italia il 31,9% delle donne dai 16 ai 70 anni stando ai dati Istat 2006). Ecco allora che l’appuntamento imperdibile è in Piazza dei Signori oggi, mercoledì 10 aprile 2013, alle ore 18.30 con il “Frozen mob”.

ORA SI DEVE CAMBIARE. I partecipanti si fermeranno per pochi minuti, come fossero congelati. Una grande quantità di giovani vestiti in rosso e in bianco riprodurranno la statistica che indica come una donna su tre sia vittima di violenza. Questo un piccolo gesto per cambiare una realtà inaccettabile.

IL FINE. Il fine dell’iniziativa è quello di sensibilizzare un target molto preciso: colleghi e studenti universitari uomini. Un modo per poter riflettere e avere maggiore consapevolezza delle emozioni e dei comportamenti. Questo vuole essere solo un primo passo per migliorare la società in cui viviamo.

LA DONNA DEVE REAGIRE. Queste le parole di Mattia Tono uno dei promotori e organizzatori dell’evento: “L'importanza del progetto sta nel fatto che il problema è stato avvertito dai giovani. Ci siamo quindi ritrovati e abbiamo pensato a un modo per attrarre l'attenzione della gente per farla riflettere sui propri e altrui comportamenti adottati nel quotidiano verso le donne. Troppo spesso vediamo in tv la donna rappresentata come vittima di violenza fisica. Noi vogliamo far capire che questo è solo un aspetto del problema. Esiste anche una violenza di tipo psicologico, economico che forse fa anche più male. La donna deve reagire. Il fatto che al “Frozen mob” siano previste più di 500 persone ci dà la conferma dell'operato. I giovani hanno capito l'importanza della tematica e l’hanno abbracciata senza nessuna esitazione”.

I NOMI. L’iniziativa è stata voluta e organizzata da: Sara Ballin, Ida De Maria, Paola Fabiola Marrano, Emma Mele, Giacomo Michielotto, Veronica Sarto, Elena Sbrogiò, Elena Scalo, Nadia Schena, Patrizia Spinacé, Silvia Toffoli, Mattia Tono, Silvia Veronese, Greta Zin, Martina Zorzi, Eleonora Ornago, Alice Zizzetto, Giulia Roverato e Maria Vittoria Bandini.

PER INFO. Facebook: http://www.facebook.com/pages/E-tu-invece/462256107142819 e Twitter: https://twitter.com/Etuinvece

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Venti negozi abusivi al Centro Ingrosso Cina, intervento della polizia locale e maxi multa

    • Cronaca

      Ragazzi ubriachi importunano gli utenti della piscina Padovanuoto: interviene la polizia

    • Cronaca

      Rissa tra profughi ubriachi al centro di accoglienza di Bagnoli: allontanati in 5

    • Cronaca

      Addio al dottor Matteo Borin, direttore di distretto e direttore dei servizi sociali Ulss 17

    I più letti della settimana

    • Aveva raccontato sul web la sua storia di dolore e di coraggio: è morta Giorgia Libero

    • "Ciao Giorgia", grande partecipazione al funerale della 23enne di Casalserugo

    • Addio al dottor Matteo Borin, direttore di distretto e direttore dei servizi sociali Ulss 17

    • L'ultimo saluto a Giorgia, storia di coraggio e dolore che ha toccato il cuore di tutti

    • Dramma in montagna, precipita e muore durante l'escursione sotto gli occhi del marito

    • Non resistono al richiamo dei sensi: sesso davanti al comando provinciale dei carabinieri

    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento