Impiegata infedele a processo: sottratti 4mila euro alla Camera di Commercio

I fatti riguarderebbero 58 episodi tra il gennaio del 2012 e il maggio del 2015, la procura sta indagando su altre quattro colleghe che potrebbero aver agito nella stessa maniera

Stando all’accusa avrebbe rubato dalle casse della camera di commercio più di 4mila euro in 58 diversi episodi. I fatti sarebbero durati tre anni. Come riportano i quotidiani locali, una donna di Mestrino di 50 anni avrebbe perpetuato i furti tra il gennaio del 2012 e il maggio del 2015, quando era impiegata nella sede di Piazza Insurrezione.

ALTRI CASI.

Davanti al Gup la 50enne ha chiesto di poter essere giudicata con rito abbreviato per l’accusa di peculato essendo al tempo un’impiegata pubblica. I fatti riguardano presunte mancate registrazioni di pagamenti di aziende per 4.058 euro che avevano chiesto servizi di servizio alla camera di commercio. La donna era sicura di farla franca, sino a quando i vertici della camera non hanno sporto denuncia dopo che le aziende hanno chiesto spiegazione per le mancate prestazioni d’opera. Le indagini stanno andando avanti e potrebbero riguardare anche altre tre dipendenti della camera di commercio di Cittadella che avrebbero agito nella stessa maniera. Da capire se le quattro siano state d’accordo o se abbiano agito in maniera autonoma.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

  • Le case vecchie invendute diventano splendide abitazioni ristrutturate. A costo 0

Torna su
PadovaOggi è in caricamento