Presi i "ladri del centro": colpi ripetuti negli stessi locali a pochi metri di distanza

Raffica di furti a Trebaseleghe tra ottobre e marzo ai danni di negozi e strutture tutte localizzate nella stessa zona. Identificati gli autori, in casa i vestiti usati per le effrazioni

Tra gli esercizi finiti nel mirino dei due ladri seriali ci sono bar, pizzerie, negozi di informatica, addirittura un asilo. Furtarelli per poche centinaia di euro, nei casi più fortunati, ma che hanno seriamente preoccupato gli esercenti di Trebaseleghe per diversi mesi. Fino all'identificazione dei due sospettati.

I furti in un perimetro ristrettissimo

Destinatari di una denuncia per furto in concorso sono due stranieri, T.Y. nato in Kosovo 35 anni fa e il 18enne marocchino K.A. I carabinieri di Trebaseleghe li hanno individuati come responsabili di almeno otto colpi, tre sventati e cinque messi a segno tra ottobre e marzo, tutti ai danni di locali e strutture del paese e addirittura colpendo più volte gli stessi locali. La coppia criminale è stata identificata grazie a un certosino lavoro di controllo e pedinamento, che ha permesso anche di risalire alla cifra complessiva che i due hanno sottratto nell'arco di sei mesi.

Gli esercizi colpiti

Il primo furto si è verificato al pub Yokelz - Plan B in piazza Marconi, dove i ladri sono riusciti a rubare 500 euro dalla cassa. Poi due colpi andati a vuoto, prendendo di mira il Centro Giovanile della parrocchia e la vicinissima scuola dell'infanzia Cagnin, entrambi affacciati su via Roma. Dopo i tentativi falliti i due ladri sono tornati a colpire a pochi metri di distanza, stavolta al ristorante per asporto PizzeVia, a cui hanno rubato 300 euro dal fondo cassa. Ultimo furto sventato al negozio di materiale informatico Kryptos e a seguire tre colpi andati a buon fine. I due malviventi sono tornati a far visita al pub Yokelz - Plan B, dove hanno rubato altri 200 euro, e da PizzeVia, dove il bottino è stato di 100 euro, con la stessa tecnica usata in precedenza. In mancanza di denaro contante, i malviventi si sono poi accontentati dei generi alimentari al panificio pasticceria Zizzola, portando via 250 euro di prodotti.

Le perquisizioni

Nel corso delle indagini i carabinieri hanno perquisito le abitazioni dei due indagati, dove sono stati trovati e sequestrati alcuni degli abiti usati per commettere i furti, le cui descrizioni erano state fornite dai testimoni e dai filmati della videosorveglianza. I militari hanno informato l'autorità giudiziaria che ora dovrà decidere come procedere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centrato in pieno da un'auto mentre attraversa a piedi l'autostrada: morte sulla A4

  • Prende a calci un bancomat, palpeggia una donna, si masturba dal panettiere: denunciato

  • "Situazione meteo in peggioramento, allerta arancione per Bacchiglione e Brenta”: l’aggiornamento

  • Tir sbaglia la curva e si inclina pericolosamente sopra il Muson (Video)

  • Tenta il suicidio con i gas di scarico dell'auto, salvato da un passante

  • Samira, possibile svolta: recuperato un cadavere di donna ad Albarella

Torna su
PadovaOggi è in caricamento