Ladro maldestro tenta il colpaccio, ma il bottino dà nell'occhio e finisce in arresto

Ben 300 euro in alcolici: questa la refurtiva che un romeno ha cercato di accaparrarsi senza successo. Notato dai vigilanti, ha dovuto vuotare il sacco davanti ai carabinieri

Maxi spesa al supermercato, tutta a base di alcolici: peccato che volesse uscire senza pagarli, ma la sorveglianza lo ha intercettato ed è finito in manette.

Il colpo

É successo martedì all'Eurospar di via Altichiero, dove un 35enne romeno ha provato a rubare numerose bottiglie di alcolici. É entrato nel negozio con una grossa borsa, come se dovesse fare grandi acquisti, e si è diretto verso il reparto degli alcolici. Approfittando di un momento in cui non c'erano altri clienti, ha infilato parecchie bottiglie nella sacca che aveva rivestito con della pellicola metallica, sperando di eludere l'antitaccheggio alle casse.

L'arresto

Un progetto decisamente ambizioso, che non lo ha fatto passare inosservato. I sorveglianti del locale lo stavano già tenendo d'occhio e vedendolo dirigersi a passo spedito verso l'uscita senza spesa, con la borsa carica e il tintinnio del vetro all'interno, sono intervenuti. Inutili i tentativi di giustificarsi, l'uomo è stato arrestato dal nucleo radiomobile dei carabinieri con l'accusa di furto. Identificato, si è scoperto che nonostante sia residente a Saonara è di fatto senza fissa dimora da tempo e vive di piccoli espedienti. I circa 300 euro di alcolici recuperati sono stati restituiti al supermercato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento