Ritrovato un dipinto rubato nel '75 smerciato illegalmente da una galleria padovana

I carabinieri hanno recuperato a Monza un'opera di De Pisis scomparsa quarant'anni fa, in attesa di restauro per poi essere rivenduta. La tela sarebbe transitata anche per Padova

É passato probabilmente anche per una galleria di Padova il dipinto "Paesaggio - Vie di Parigi" di Filippo De Pisis, rubato nel 1975 a un uomo di Ferrara e recuperato in un laboratorio di Monza.

Il colpo

L'olio su tela era stato sottratto al proprietario, oggi 81enne, il 18 dicembre di 42 anni fa, asportato dall'automobile dell'uomo che ne aveva denunciato il furto insieme a quello di altre due opere mai ritrovate: "Paesaggio veneziano" sempre di De Pisis e "Tre tagli su fondo bianco" di Lucio Fontana.

Le indagini

Il dipinto è stato recuperato dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Monza, che lo hanno individuato dopo lunghe indagini partite nel settembre 2015. L'opera è stata rinvenuta in un laboratorio artigiano appartenente a un milanese, dove sarebbe stata restaurata prima di essere rivenduta da una casa d'aste di Milano. A dare il dipinto in carico al restauratore è stato un 46enne anche lui milanese, che si pensa lo abbia ottenuto attraverso un passamano partito da una galleria d'arte padovana, che avrebbe fatto sparire la tela dal circuito legale dell'arte. Le indagini dei carabinieri sono ancora in corso e al momento non ci sono indagati. Il quadro è stato restituito al legittimo proprietario.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento