Gatto morto in condotta areazione Residenti con il naso "tappato"

Un felino si è intrufolato in una "bocca di lupo" e da lì non è più uscito. Gli abitanti del residence hanno avvertito odori nauseabondi, ma nessuno è intervenuto a rimuovere la carcassa, finché non ci hanno pensato da soli

Un odore nauseabondo dalle condotte dell'aria e un intero residence infestato dalla puzza, in via Natisone ad Altichiero. All'origine del disgustoso profumo che per giorni ha tenuto i residenti con il naso "tappato", un gatto morto, come riporta Il Gazzettino di Padova, dopo essersi infilato suo malgrado in una "bocca di lupo", una condotta di areazione per le cantine.

GATTO MORTO. Il decesso del felino maleodorante sembrerebbe essere avvenuto la scorsa domenica. Già a partire da lunedì, gli odori hanno iniziato ad appesantire l'aria. Una volta trovato il punto da cui si originava la disgustosa "essenza", i residenti avrebbero chiamato chi di dovere perché la carogna venisse rimossa. Peccato che, come raccontano, nessuno si sia mosso per asportare l'animale. Costringendo i condòmini ad intervenire personalmente per trascinare via il felino.

Potrebbe interessarti

  • Tre concorsi pubblici per 100 nuove assunzioni: ecco come iscriversi

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l’ambiente

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Pfas, prosegue il piano di screening: quasi 52.000 persone invitate e più di 31.000 visitate

I più letti della settimana

  • Impatto fatale sul guardrail tra i monti del Trentino: muore motociclista 33enne di Rubano

  • Si schiantano su un campo dopo lo scontro in autostrada: sei feriti di cui due gravi

  • Frontale tra due auto, una finisce nel fosso. Due feriti, donna elitrasportata

  • Schianto in superstrada: tre feriti, uno è grave. Sversamento di gasolio sulla carreggiata

  • Pompa l'acqua per annaffiare il prato, donna muore folgorata nel giardino di casa

  • Arresto cardiaco durante l'inaugurazione del "Pride Village": ricovero d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento