Santa Margherita d'Adige in lutto, il sindaco Nicoletti è morto

Il primo cittadino Giuliano Nicoletti, 64 anni, è deceduto questa mattina alle 11.30 in ospedale, dove era stato portato dai familiari d'urgenza per un improvviso peggioramento delle sue condizioni di salute dopo una lunga malattia

Il comune di Santa Margherita d'Adige oggi piange la scomparsa del suo sindaco, Giuliano Nicoletti. 64 anni, pensionato ex ferroviere, è morto questa mattina alle 11.30 in ospedale, dove i familiari lo avevano ricoverato d'urgenza alle 5 di stamattina per un improvviso peggioramento delle sue condizioni di salute, già compromesse dopo 2 anni di una lenta malattia.

LA FAMIGLIA. "Da un paio di mesi non andava più in Comune - riferisce con composto dolore la moglie Luciana - La situazione è precipitata negli ultimi giorni, fino a stamattina. I medici ci hanno subito detto che non c'era più nulla da fare e alla fine il suo cuore ha ceduto". Oltre alla moglie Luciana, Nicoletti lascia due figli: Sara e Alberto.

L'ATTIVITÀ POLITICA. Nicoletti, attivo da decenni come esponente della sinistra nella Bassa padovana, ricopriva da tempo incarichi amministrativi nel comune di Santa Margherita: sindaco dal 1995 al 2004, poi vice di Daniela Marzia Costantin e infine di nuovo primo cittadino dal 2009.

I FUNERALI. Nonostante risiedesse con la famiglia a Saletto, i funerali si terranno nella chiesa parrocchiale del capoluogo di Santa Margherita, suo paese natale, probabilmente lunedì pomeriggio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento