Tre gru di origami giganti fanno capolino al reparto di Oncoematologia pediatrica

Erano state promesse da Luca Tironi, studente universitario di astrofisica che ha ricevuto in dono una speranza di vita da sua sorella attraverso la donazione del midollo

Le gru in Giappone sono simbolo di longevità e della buona salute. Regalarle è un augurio in questo senso. E a compiere questo gesto è stato chi a sua volta ha ricevuto in dono una speranza di vita da sua sorella attraverso la donazione del midollo osseo. Il giovane studente universitario di astrofisica Luca Tironi nella mattinata di giovedì ha donato tre gru origami giganti da lui stesso create al reparto di Oncoematologia Pediatrica dell'Ospedale di Padova diretto dal prof Giuseppe Basso assieme a Paola Baiguera Presidente di Admo Padova.

LUCA TIRONI.

È stato proprio il prof Basso a ricevere in dono le gru origami a nome dei tanti bambini ricoverati e in cura nel suo reparto e a dire grazie a Luca Tironi e all'associazione padovana che si spende proprio per dare speranza e vita ai tanti bambini che hanno bisogno del trapianto di midollo per vivere. Le gru erano state promesse a fine settembre dallo stesso Luca Tironi in occasione di Match it now 2017 la giornata nazionale di sensibilizzazione alla donazione del midollo osseo che si è svolta anche a Padova davanti a Palazzo Moroni per tutta la giornata del 23 settembre. In quell'occasione Luca aveva creato e donato un centinaio di gru origami e aveva fatto firmare a tutti coloro che si sono sottoposti in loco all'esame del sangue per diventare donatori di midollo osseo (166 tipizzati come si dice in gergo in una sola giornata) una gru gigante da portare appunto nel Reparto di Oncoematologia pediatrica dell'ospedale di Padova.

GRAZIE ALLA VITA.

Oggi, esattamente a due mesi di distanza dalla festa di Admo davanti a palazzo Moroni quelle gru firmate dai giovani padovani che hanno scelto di diventare donatori di midollo osseo arrivano ...al destinatario! Questa la sua promessa al Reparto diretto dal prof Basso e il suo invito ai potenziali donatori fatto prima della giornata nazionale per la donazione del midollo osseo. "L'idea – ha spiegato il giovane Luca Tironi - era quella di creare un ponte di speranza e un collegamento tra chi potenzialmente può donare vita e chi ne ha bisogno soprattutto i più piccoli. È il mio modo per dire grazie alla vita che mi è stata ridonata. Siamo felici di aver toccato con mano e avvicinato chi ha bisogno di noi nel vero senso della parola – ha detto la presidente di Admo Padova Paola Baiguera –. E soddisfatti di aver portato al prof Basso anche le nostre 5 donazioni di midollo effettuate nel corso del 2017 e un numero di potenziali donatori che sta arrivando alle 1000 unità solo quest'anno.”

WORLD MARROW DONOR DAY 2017.

La soddisfazione per Admo Padova è duplice anche se ancora in sordina visto che proprio la Settimana “Match it now 2017” è stata selezionata, insieme ad India e Tailandia, quale migliore organizzazione del World Marrow Donor Day 2017, il vincitore sarà annunciato a gennaio 2018 dalla World Marroy Donor Association. L’edizione 2017 del World Marrow Donor Day, a cui Match it now ha aderito, ha coinvolto più di 40 Paesi dislocati in tutti i continenti e ha registrato più di 350 eventi promossi da 65 organizzazioni nazionali.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Ristorante la sera, discoteca abusiva la notte: dopo il blitz stop ai balli

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Dramma nella Bassa: si è tolto la vita Stefano Farinazzo, sindaco di Casale di Scodosia

Torna su
PadovaOggi è in caricamento