Carmignano di Brenta, va a fuoco il ripostiglio: uomo ustionato

A generare il rogo è stata una candela accesa dalla mamma di Antonio D., che ha riportato ustioni di terzo grado a mani e volto. Illesa la donna 90enne. Nessun danneggiamento all'abitazione

Un incendio in casa

C’è una candela all’origine dell’incendio, che ha causato ustioni di terzo grado ad Antonio D. L’uomo si è bruciato mani e volto nel tentativo di spegnere le fiamme divampate nello sgabuzzino della sua abitazione a Camazzole di Carmignano di Brenta.

La candela accesa da Regina B., 90enne mamma che convive assieme dell’uomo, ha alimentato il fuoco attorno ad alcuni materassi lasciati nel ripostiglio. L’anziana donna, spaventata e in evidente stato di shock, non ha subito ferite o lesioni. Peggio è andata al figlio che ha dovuto ricorrere alle cure mediche. Nessun danno, invece, per sgabuzzino e casa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento