Incendio in chiesa: bruciati i paramenti sacri per la Settimana Santa, gravi danni da fumo

Il rogo si è sviluppato a Presina nel locale adiacente la Sacrestica, i vigili del fuoco sono intervenuti per domare le fiamme ed evitare che si propagassero a tutta la chiesa

Lunedì sera, venti minuti prima della mezzanotte, i vigili del fuoco sono intervenuti per un incendio divampato in un locale all’interno della chiesa di Presina a Piazzola sul Brenta. Le fiamme si sono sviluppate in un disbrigo promiscuo alla sacrestia, bruciando materiale utilizzato qualche ora prima per le funzioni religiose della Settimana Santa, paramenti sacri e arredi.

L'incendio

La squadra dei vigili del fuoco arrivata da Cittadella e da Padova con un’autobotte, sono entrati dotati di autorespiratore nella chiesa completamente invasa dal fumo, riuscendo a individuare il locale e iniziare lo spegnimento. Le fiamme sono state circoscritte al solo locale e presto estinte dalla squadra. Spento l’incendio si è provveduto all’evacuazione del fumo con degli elettroventilatori fatti arrivare dalla centrale di Padova. L’incendio non ha causato nessun danno strutturale, gravi tuttavia i danni da fumo. Sul posto il parroco e il cappellano oltre ad alcuni parrocchiani che hanno dato l’allarme. Le cause dell’incendio di probabile natura accidentale sono al vaglio dei tecnici dei vigili del fuoco. Le operazioni di evacuazione dei fumi e messa in sicurezza della chiesa sono terminati intorno alle 3.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento