La Diocesi mette il veto, preghiere vietate a Marija di Medjugorje

Il vescovo di Padova ha vietato l'incontro tra i fedeli e la "veggente" Marija Pavlovic, che si è trattenuta solo alcuni minuti con le centinaia di persone accorse: "Non posso pregare con voi, ma pregherò per voi"

I fedeli nel parco della biblioteca (fonte Facebook)

Grande delusione per le circa 600 persone accorse, a causa del veto, posto dal vescovo di Padova, alla testimonianza di Marija. Venerdì pomeriggio, a Cittadella, era previsto l'incontro dei fedeli per pregare con la "veggente" di Medjugorje Marija Pavlovic.

IL NO DELLA DIOCESI. La motivazione del no è il rispetto delle indicazioni fornite dalla Conferenza Episcopale della Ex Jugoslavia, secondo cui le apparizioni non sono ancora state provate e quindi clero e fedeli non possono partecipare ad incontri in cui verrebbero date per accertate.

POCHI MINUTI CON I FEDELI. Marija, pur rispettando la decisione, non ha voluto mancare di salutare le centinaia di persone accorse per incontrarla. Si è trattenuta pochi minuti nel parco della biblioteca. "Non posso pregare con voi, ma preghero per voi", ha detto, distribuendo delle immagini della Madonna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

  • Coronavirus: primi due casi sospetti nel Padovano, l’ospedale di Schiavonia verrà svuotato

Torna su
PadovaOggi è in caricamento