Indennità per danni da vaccini, trasfusioni ed emoderivati: in arrivo arretrati per 1.081 veneti

L'azienda Ulss 16 di Padova è stata delegata a tale attività di pagamento dalla Regione, che ha anticipato la cifra necessaria all'indennizzo non ancora giunta dal ministero della Salute

Stanno arrivando in questi giorni, direttamente nei conti correnti personali dei cittadini, gli arretrati relativi al 2012 dell'indennità integrativa speciale. Si tratta di una cifra pari a 2.294.225,30 euro, destinata a favore dei 1.081 cittadini del Veneto affetti da complicanze irreversibili a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati in base alle precisazioni della legge 210/92, che disciplina la materia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PAGATO IL 90% DEGLI ARRETRATI. L’azienda Ulss 16 di Padova è stata delegata a tale attività di pagamento dalla Regione, che ha anticipato la cifra necessaria all’indennizzo non ancora giunta dal ministero della Salute. Da giugno 2016, complessivamente sono stati quindi pagati 14.469.000 euro (3 milioni 900mila euro a giugno e 8.275.000 euro a fine settembre), di questi oltre 10.569.000 euro sono stati anticipati dalla Regione attraverso gli uffici amministrativi dell’Ulss 16. Complessivamente, quindi, sono stati liquidati indennizzi pari a circa il 90% degli arretrati dovuti. Entro il 2017, in base alle indicazioni regionali, seguirà il pagamento dell’ultima tranche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento