Per gli ipovedenti c'è l'auto-moto-aiuto: i segreti in un convegno presentato all'ospedale dei Colli

Giovedì 8 novembre nell’Aula Nobile dell’ospedale dei Colli di Padova è stato presentato il primo gruppo di auto-mutuo-aiuto per ipovedenti che nasce sotto l’egida del Centro di riabilitazione visiva dell’ipovisione

Anche l’auto-mutuo-aiuto può essere un valido strumento nel processo di riabilitazione visiva degli ipovedenti. E’ partendo da questa premessa che nella mattinata di giovedì 8 novembre nell’Aula Nobile dell’ospedale dei Colli di Padova è stato presentato il primo gruppo di auto-mutuo-aiuto per ipovedenti che nasce sotto l’egida del Centro di riabilitazione visiva dell’ipovisione, una delle eccellenze della sanità padovana guidata dal dottor Giovanni Sato. Patrocinatori dell’iniziativa l’Unione italiana ciechi e ipovedenti onlus, sezione di Padova, l’Unità operativa di oculistica della Aulss 6 Padova e l’associazione Psicologo di Strada.

Il progetto

Proprio il dottor Sato ha introdotto l’incontro con una relazione sul tema: “Ipovisione e riabilitazione visiva: chi, come, quando”, di fronte a una trentina di persone, in buona parte ipovedenti e loro accompagnatori. Presenti anche Fabio Verlato, responsabile del distretto sociosanitario Padova-Bacchiglione e il presidente della sezione padovana dell’Unione Italiana ciechi e ipovedenti, Roberto Callegaro. Nell’occasione, Cristiano Draghi, counsellor e futuro facilitatore del gruppo, ha invece illustrato le modalità dell’auto-mutuo-aiuto, condivisione in gruppo di informazioni, idee, sentimenti ed emozioni da parte di persone con lo stesso problema, i loro familiari e nel caso degli ipovedenti, gli eventuali accompagnatori. Una modalità di sostegno l’uno con l’altro che si sta sempre di affermando anche in Italia. La proposta di far nascere il gruppo ha suscitato l’interesse e la curiosità dei presenti: una quindicina le persone che si sono già dette disponibili a partecipare al primo appuntamento del gruppo, già fissato per giovedì 29 novembre alle 10 nell’aula Sert, sempre all’interno del complesso socio-sanitario dei Colli. E’ possibile aderire in qualsiasi momento e ottenere informazioni telefonando al 347.2440685, la partecipazione al gruppo è libera e gratuita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: secondo paziente dimesso, 12 casi tra Limena, Curtarolo e San Giorgio in Bosco

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

Torna su
PadovaOggi è in caricamento