Terrorismo: oltre a Meriem, un'altra veneta fuggita in Siria per arruolarsi con l'Isis

Non solo la padovana di Arzergrande. A combattere nel Califfato potrebbe esserci un'altra ragazza magrebina partita dal Veneto: la tunisina Sonia Khediri, che fino al 2014 abitava con la famiglia a Onè di Fonte (Treviso)

Meriem Rehaily

Una seconda jihadista veneta in Siria, oltre a Meriem Rehaily, la 21enne di origini marocchine che nel luglio del 2015 è scappata da Arzergrande, dove viveva con la famiglia, per andare in Medioriente e arruolarsi con l'Isis. Un'altra ragazza magrebina partita dal Veneto per combattere nel Califfato: la tunisina Sonia Khediri, che fino al 2014 abitava con la famiglia a Onè di Fonte (Treviso), ed era sparita nel nulla, minorenne, dopo aver preso un aereo per la Turchia.

L'INTERCETTAZIONE. L'ipotesi che anche Sonia abbia preso questa strada sarebbe tenuta in considerazione dagli investigatori della Procura antiterrorismo di Venezia sulla base delle intercettazioni e delle informative dei Ros di Padova finite nel fascicolo d'inchiesta che ha portato al rinvio a giudizio di Meriem per arruolamento con finalità di terrorismo internazionale. Nel gennaio di un anno fa, il padre di quest'ultima le chiese, in una delle conversazioni telefoniche monitorate dagli investigatori, se avesse più sentito l'amica tunisina che l'aveva contattata. Lei gli avrebbe risposto, chiedendo di non riferirlo a nessuno: "Non l'ho ancora vista. È del Veneto comunque...".

MERIEM. Su Meriem pende un mandato d'arresto internazionale. Il gip Alberto Scaramuzza ne ha disposto il rinvio a giudizio, accogliendo la richiesta presentata dal pm Fracesca Crupi. La prima udienza si svolgerà il prossimo 16 maggio. Gli inquirenti hanno costruito passo passo la sua fuga, risultata essere premeditata: da quel volo dall’aeroporto di Bologna per raggiungere la Siria. In quella guerra personale contro l'Occidente, Meriem, aveva prima aderito alla "cyber-jihad" come "soldato dell'esercito informatico", già da febbraio 2015. In quei mesi avrebbe redatto la killing list jihadista con i dati relativi a dieci dirigenti delle forze dell’ordine “da uccidere”. Un primo passo che poi, grazie al reclutatore, l'ha portata in Medio-Oriente dove gli scontri non sono un gioco ma dove la ragazza è voluta andare lo stesso, abbagliata da chissà quale promessa fatta dai terroristi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Elezioni

      Elezioni amministrative, si voterà domenica 11 giugno 2017: nel Padovano 17 comuni alle urne

    • Cronaca

      Doppio boato nella notte: bancomat del Piovese e del Conselvano nel mirino dei ladri

    • Cronaca

      Incroci pericolosi: rimandata l'accensione degli undici t-red, ma non c'è un'altra data

    • Cronaca

      Spara e uccide il padre: "Era il mio migliore amico, non volevo", ma il giudice non gli crede

    I più letti della settimana

    • Imprenditore ucciso con un colpo di pistola alla testa a Selvazzano: arrestato il figlio

    • Incidente a Busa di Vigonza, auto rovesciata: donna e bambino elitrasportati in ospedale

    • Trovato morto in casa, ucciso da un colpo di pistola alla testa: è giallo a Selvazzano

    • Donna travolta e uccisa da un treno vicino alla stazione ferroviaria di Abano: pesanti ritardi

    • Sant'Angelo di Piove, lite tra ex marito e compagno della tabaccaia finisce nel sangue

    • Avevano il monopolio dello spaccio nella Bassa Padovana: sgominata banda di quattro

    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento