Lavoro nero nel laboratorio cinese: sospesa l'attività e maxi multa

Ieri pomeriggio il blitz della Guardia di Finanza di Cittadella in un anonimo capannone a San Martino di Lupari. 4 i lavoratori risultati non in regola. Rilevate anche condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza a livelli minimi

L'interno del laboratorio a San Martino di Lupari

Sospensione dell'attività e una maxi multa. Questo l'esito del blitz di ieri pomeriggio della Guardia di Finanza di Cittadella in un anonimo capannone a San Martino di Lupari dove sono stati trovati dei lavoratori in nero.

LE IRREGOLARITÀ. All'interno un vero e proprio laboratorio cinese dedito al confezionamento e alla produzione di magliette. Gli uomini delle fiamme gialle, guidati dal capitano Giuseppe Perrone, hanno riscontrato che la titolare, una 39enne cinese, non aveva provveduto a regolarizzare la posizione, ai fini della legislazione sul lavoro, di quattro connazionali provenienti dal sud est asiatico.

LE CONDIZIONI DI LAVORO. Inoltre, i militari hanno rilevato condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza lavorativa a livelli minimi, rinvenendo anche quattro piccolissime camere da letto delimitate, rispetto all’ambiente lavorativo, da sottili pareti costruite, dove i lavoratori riposavano per poi riprendere la lavorazione. Su questa situazione, i finanzieri invieranno comunicazioni agli organi competenti perchè prendano a loro volta provvedimenti, come il Comune e lo Spisal.

MULTA E SOSPENSIONE. Dato che il numero dei lavoratori “in nero” sorpresi è risultato superiore al 20% di quelli regolarmente assunti - in realtà il 100% di quelli trovati al lavoro nel momento del blitz sui 7 totali presenti nel capannone - la Finanza ha provveduto, di concerto con il personale della Direzione territoriale del lavoro di Padova, sia a comminare una maxi-multa che alla sospensione dell’attività lavorativa. 1.500 euro di sanzione scattano infatti in automatico quando si supera il 20% di lavoratori irregolari sul totale, dopodichè sarà la Direzione territoriale del Lavoro di Padova a comminare ulteriori multe per ogni lavoratore in nero. Per poter riprendere la propria attività, la titolare dovrà regolarmente assumere chi non era in regola.

Potrebbe interessarti

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Infarto e ictus, team di ricercatori padovani trova la "porta" che diminuisce i danni al cuore

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

  • Sette momenti in cui è fondamentale lavarsi le mani in casa

I più letti della settimana

  • Si schiantano con l'auto contro un platano: passeggera elitrasportata in ospedale, è grave

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tenta il suicidio nel Bacchiglione: trascinata a riva da un passante, è gravissima

  • Pauroso schianto tra due auto, feriti i conducenti. Interviene l'elisoccorso, strada chiusa

  • Pedone falciato da un'auto all'altezza del cantiere: due i feriti

  • Litigio tra pazienti allo studio medico: costole rotte e denunce per due pensionati

Torna su
PadovaOggi è in caricamento