Polo commerciale all'ex Foro Boario e nuova viabilità: a primavera i lavori per Leroy Merlin

La multinazionale francese del bricolage è l’unica candidata per la riqualificazione dell’area, lunedì è stata aperta la busta con l’offerta e i requisiti sono a posto

Entro ottobre tutta la burocrazia verrà sistemata e già da primavera potrebbero iniziare i lavori per l’insediamento all’ex Foro Boario di Leroy Merlin. Come riportano i quotidiani locali, la multinazionale francese del bricolage è l’unica candidata per la riqualificazione dell’area: lunedì è stata aperta la busta con l’offerta e i requisiti sono a posto.

CAMBIO DELLA VIABILITÀ

I lavori di costruzione dovrebbero finire entro il 2019 e a essere interessata è tutta l’area fino al PalaGeox, con una revisione della viabilità da. Verranno cambiati gli svincoli, con un cavalcavia che collega corso Australia con l’uscita di Chiesanuova permettendo l’ingresso all’area commerciale sia dai veicoli che provengono da sud, sia per quelli in arrivo da nord con uno svincolo su via Vicenza e sul cimitero Maggiore che dovrebbe agevolare il traffico anche su via Montà. A ridosso del nuovo punto vendita saranno realizzate le rotonde che dovrebbero snellire il flusso di traffico verso via Bezzecca e su via Chiesanuova. Il costo si aggira attorno ai 33 milioni di euro, a carico di Leroy Merlin e prevede anche la costruzione di un hotel e di alcuni ristoranti e locali, con circa 400 nuovi posti di lavoro. La concessione durerà 50 anni.

UN NEGOZIO DA 19MILA METRI QUADRATI.

Il progetto per l’ex macello prevede un unico grande negozio su un piano, di circa 19mila metri quadrati: dovrà essere ristrutturata tutta l’area, senza ulteriore cubatura di cemento, costruita con materiale ecosostenibile. Il dibattito è aperto sia tra i favorevoli all’opera, sia tra i contrari. Coalizione Civica venerdì a Palazzo Moroni ha organizzato un incontro pubblico sul futuro dell’area, mentre resta contrario comitato che si oppone da mesi alla realizzazione del polo commerciale composto da molti attivisti di Altra Agricoltura NordEst che hanno la loro sede all’ex macello e che temono di perderla.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

  • Le case vecchie invendute diventano splendide abitazioni ristrutturate. A costo 0

Torna su
PadovaOggi è in caricamento