Maltempo, numerosi interventi dei vigili del fuoco a Montagnana e nella Bassa

I pompieri sono intervenuti soprattutto per rimuovere alberi sradicati finiti su tetti e cavi della luce elettrica. Aperto dalla Regione Veneto il decreto sullo Stato di Crisi e la richiesta dello Stato di Emergenza

Vigili del fuoco al lavoro a Montagnana per rimuovere gli albresi terminati su tetti e cavi elettrici

Chiamate su chiamate. E loro hanno risposto "presente", come sempre: super-lavoro dei vigili del fuoco nelle zone della Bassa Padovana colpite dal maltempo.

Gli interventi

Le richieste di intervento sono giunte prevalentemente da Montagnana e da Casale di Scodosia, in particolare per rimuovere alberi sradicati finiti su tetti o sui cavi della luce elettrica. La situazione sta lentamente tornando alla normalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stato di crisi

Questo il comunicato diramato dalla Regione Veneto: "Pesante il bilancio del maltempo che ieri si è abbattuto in diverse zone della nostra Regione, in particolare su alcuni territori delle province di Treviso, Venezia, Padova e Rovigo. Oltre agli eventi di ieri mattina con trombe d’aria e pesanti nubifragi che hanno colpito, tra gli altri, San Biagio di Callalta, Silea, Zenson di Piave, Noventa di Piave e Salgareda, in serata una tromba d'aria ha interessato il Comune di Montagnana e i Comuni confinanti alle province di Verona e Rovigo producendo gravi danni. Alberi abbattuti, allagamenti e violenti nubifragi hanno messo in ginocchio, in particolare, il settore dell’agricoltura che registra il bilancio più pesante dalla nuova ondata di maltempo con disagi registrati in tutte le province venete. Il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, attraverso l’assessore Gianpaolo Bottacin, è rimasto in costante contatto con il Sistema Regionale di Protezione Civile che ha fatto fronte alle situazioni di rischio determinate dagli eventi. In merito ai danni causati dal maltempo di ieri, il Presidente Zaia precisa che il decreto sullo Stato di Crisi e la richiesta dello Stato di Emergenza n. 110 “Stato di crisi per eventi eccezionali verificatesi nel vicentino e padovano - 31 luglio 2019” è rimasto aperto proprio in considerazione delle previsioni meteo e delle indicazioni del Sistema Regionale di Protezione Civile. Questo permette a tutti i Comuni interessati dal maltempo degli ultimi giorni di avviare le relative procedure di richiesta danni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

Torna su
PadovaOggi è in caricamento