Si era sparato un colpo di pistola alla testa, dopo giorni di agonia la morte

Il consigliere comunale di Camisano Vicentino non ce l'ha fatta. Mercoledì aveva tentato il suicidio all'interno del cimitero di Bevadoro, a Campodoro. Venerdì il decesso all'ospedale di Padova dove era ricoverato. Lascia la moglie e due figlie

Il cimitero di Bevadoro, a Campodoro

Da mercoledì era ricoverato all'ospedale di Padova e lottava tra la vita e la morte ma nel pomeriggio di venerdì è venuto a mancare.

MORTO. Massimo Polato, consigliere comunale di Camisano Vicentino, 44enne, si era sparato un colpo di pistola alla testa, all'interno del cimitero di Bevadoro, a Campodoro. L'uomo lascia moglie e due figlie. Sono ancora ignoti i motivi che l'hanno portato al gesto estremo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento