Emergenza colera in Sud Sudan: Medici con l'Africa Cuamm lancia l'allarme

Da inizio febbraio, nelle contee di Yirol East e Awerial, è scoppiata una terribile epidemia di colera. Si sono registrati circa 300 casi sospetti, con numerosi ricoveri

L'intervento di Medici con L'Africa Cuamm

Medici con l’Africa Cuamm, l'organizzazione padovana che si spende per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane, comunica che sono circa 300 i casi sospetti di colera registrati in pochi giorni di febbraio nelle contee di Yirol East e Awerial (ex stato dei laghi) dove lavora e coordina l’attività di 16 centri sanitari periferici, che fanno riferimento all’ospedale di Yirol. Si tratta di un’area che presenta diverse complessità, dalle difficoltà per raggiungere le comunità che vivono sparse lungo il Nilo e lontane dai centri sanitari, alla problematica dell’offrire servizi adeguati a una popolazione che, dal dicembre 2013, è cresciuta sotto l’influsso di migliaia di sfollati (Mingkamen, Awerial).

MANCANZA DI CENTRI SANITARI."Non abbiamo ancora la conferma ufficiale che si tratti di colera, ma noi che siamo lì pensiamo sia molto probabile – dice Giovanni Dall’Oglio responsabile dell’intervento del Cuamm nella zona - Nel novembre 2016, l’intervento del Cuamm nell’ex stato dei laghi si è esteso fino a coprire tutte e 8 le contee (comprese quelle colpite dall’epidemia di colera), arrivando a supportare 3 ospedali e 90 centri di salute periferici, per una popolazione beneficiaria di poco meno di 1 milione di abitanti, circa 250mila bambini con meno di 5 anni e 58mila donne in gravidanza. Si tratta di un’area vastissima che comprende anche le sponde del Nilo e le sue isole, zone queste completamente sprovviste di alcun tipo di centro sanitario. Nemmeno un drugstore dove trovare salvavita per malaria, diarrea e broncopolmoniti. Non bisogna essere esperti di salute pubblica per capire che quando abiti a più di 40 chilometri dalla più vicina unità sanitaria, la tua vita è appesa a un filo".

TRE UNITÀ ALLESTITE. E prosegue: "Appena arrivati i primi casi sospetti di colera ci siamo attivati e abbiamo raggiunto le zone più lontane, anche utilizzando la barca dove necessario, per capire la situazione nei villaggi e portare i primi soccorsi. Ad Awerial, la situazione è abbastanza sotto controllo. Lì, oltre a noi, ci sono diverse Ong che si occupano degli sfollati e stiamo lavorando insieme per gestire questa emergenza".

YIROL. "A Yirol East, invece, dove è presente solo Medici con l’Africa Cuamm, - conclude - abbiamo attivato subito delle risposte concrete: abbiamo aggiustato pozzi nei presidi in cui mancava l’acqua, come nel centro di Adior; fornito fluidi, equipaggiamento, materiale di protezione, antibiotici e farmaci; formato il personale perché sia in grado di trattare i casi. In 12 giorni Medici con l’Africa Cuamm è riuscito a mettere in piedi 3 unità per il trattamento del colera e a breve saranno allestiti altri siti temporanei per fornire assistenza anche nelle aree più distanti".

I DATI. Oggi l’intervento di Medici con l’Africa Cuamm interessa complessivamente 9 Contee, distribuite su 4 Stati e in particolare: 90 strutture sanitarie periferiche, quattro ospedali (Yirol, Lui, Rumbek e Cueibet), unascuola per ostetriche locale (quella annessa all’ospedale di Lui); per un totale di 1.023 persone dello staff sanitario locale, supportati tecnicamente da 53 operatori internazionali (europei e africani). Complessivamente nel 2016, l’intervento di Medici con l’Africa Cuamm in Sud Sudan ha interessato una popolazione complessiva di circa 900mila persone e ha permesso di realizzare: 10.012 parti normali assistiti, 530.312 visite ambulatoriali (199.019 ai minori di 5 anni), 24.210 prime visite prenatali, 8.296 ricoveri pediatrici in ospedale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Incidente a Villanova di Camposampiero, scontro fra auto: ferite due gemelle

    • Cronaca

      Tre arresti in meno di 12 ore nel Padovano: in manette truffatori e topi di appartamento

    • Incidenti stradali

      Incidente a Brugine, schianto moto contro bici: grave il ciclista, elitrasportato in ospedale

    • Cronaca

      Tutto nudo in Prato gridando "Allah Akbar": espulso, i carabinieri lo ritrovano per Padova

    I più letti della settimana

    • Esce per un giro in bici ma non fa più ritorno: ciclista falciato e ucciso da un'auto pirata

    • Motociclista perde la vita a Musile: investito da un'auto, caccia a un'utilitaria bianca in fuga

    • La palestra di Piazzola sul Brenta chiude dalla sera alla mattina: clienti beffati

    • Auto contro furgone, l'utilitaria sbatte contro il muretto di un'abitazione e prende fuoco

    • Malore fatale per una 53enne, trovata morta in bagno: a fare la triste scoperta il figlio 22enne

    • Incidente in via Delle Cave, si schianta contro un palo e poi contro un'auto in sosta: ferito

    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento