#menevado, anche in stazione a Padova sit-in studenti e ricercatori

Flc Cgil, Link – Coordinamento universitario, Adi e Crnsu hanno chiamato alla mobilitazione per denunciare le "politiche inadeguate e dannose tuttora proposte dal Governo in materia di università e ricerca"

#Menevado, uno degli striscioni (foto dottorato.it)

Martedì 17 novembre, Flc Cgil - Federazione lavoratori della conoscenza, Link – Coordinamento universitario, Adi – Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani e Crnsu – Coordinamento ricercatrici e ricercatori non strutturati universitari hanno chiamato alla mobilitazione studenti, dottorandi e precari della ricerca per denunciare le "politiche inadeguate e dannose tuttora proposte dal Governo in materia di università e ricerca". I manifestanti si sono radunati nelle diverse stazioni ferroviarie italiane. A Padova, l'appuntamento era alle 13.

#MENEVADO. "Queste politiche, che precludono a migliaia di studenti l’accesso all’istruzione universitaria - si legge in una nota diffusa dall'Adi - trasformano il dottorato in un privilegio per pochi e negano qualsiasi prospettiva a un’intera generazione di giovani ricercatori, spingono in tanti a chiedersi #menevado? È una domanda che studenti, dottorandi e precari della ricerca oggi si sono fatti in pubblico e a voce alta, spiegandone le ragioni ai viaggiatori di tante stazioni ferroviarie italiane, con iniziative a Roma, Firenze, Torino, Milano, Padova, Pisa e Bari".

LE PROPOSTE PRESENTATE AL SENATO. Ai tanti motivi che li spingerebbero a partire hanno però risposto con altrettante proposte di modifica "radicale" delle politiche su diritto allo studio, reclutamento accademico e finanziamenti per la ricerca, proposte che prendono in primo luogo la forma di una serie di emendamenti al Disegno di Legge di Stabilità 2016 attualmente in discussione alle Camere. Le proposte di emendamento sono state presentate, in contemporanea, nella sala Nassirya del Senato della Repubblica a Palazzo Madama e riguardano i seguenti punti: il reintegro del Fondo di finanziamento ordinario di 800 milioni di Euro, "cioè quanto tagliato dal 2009 ad oggi"; l’aumento del Fondo integrativo statale "per garantire la copertura delle borse di studio e per dare risposta all’emergenza Isee"; una riforma della tassazione studentesca e “no tax area” fino a 23mila euro di Isee; un piano pluriennale di reclutamento di ricercatori a tempo determinato di tipo b; lo sblocco del turn-over per tutte le figure dell’università e l’abolizione del sistema dei punti organico; un finanziamento a sostegno delle borse di dottorato che consenta la copertura di tutti i posti banditi; l’innalzamento del numero complessivo di posti di dottorato banditi fino ad almeno 11mila l’anno entro il 2021; il mantenimento delle somme destinate all’edilizia universitaria.

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Dal melanoma alla gravidanza: la testimonianza di Teresa, fanatica della tintarella

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

I più letti della settimana

  • Ferragosto, fuochi in Prato, musei aperti, feste e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Si schianta contro un platano a 300 metri da casa: muore un centauro di 28 anni

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento