"Un grande maestro di vita": Cittadella in lutto per la scomparsa di Giuseppe Giuliani

Ex primario del reparto di Chirurgia dell’Ospedale di Cittadella, il professor Giuliani si è spento venerdì 10 maggio: il ricordo dell'Ulss 6 Euganea

Il professor Giuseppe Giuliani (foto Facebook Ulss 6 Euganea)

Era conosciuto e stimato da tutti. E lascerà un vuoto difficile da colmare: venerdì 10 maggio è scomparso a Cittadella (dove risiedeva con la famiglia) il professor Giuseppe Giuliani.

Il ricordo

Questo il ricordo dell'Ulss 6 Euganea: "Era arrivato alla Chirurgia dell’Ospedale di Cittadella nel 1976, dov’è rimasto in qualità di primario sino al giorno dell’entrata in pensione. Specializzato in chirurgia d’urgenza, una disciplina che amava, il professore era famoso per i suoi bellissimi bozzetti disegnati a mano, che allegava alle pubblicazioni scientifiche e spesso usava per spiegare ai pazienti l’intervento cui sarebbero stati sottoposti. Apparentemente austero e severo nell’atteggiamento, Giuseppe era indubbiamente molto affezionato ai suoi collaboratori, cui non lesinava consigli utili nella pratica clinica e nelle scelte di carriera. Indimenticabile la precisione con cui indirizzava l’attività del reparto: «“Ocio” i drenaggi! Guarda la temperatura corporea! Ha la borsa del ghiaccio? Attenti alle diete!». I colleghi tutti di Cittadella lo ricordano come un grande maestro di vita". Le esequie verranno celebrate nella Chiesa dell’Ospedale di Cittadella lunedì 13 maggio alle ore 15.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento