Dramma la notte di Natale: stroncato da un malore nel cortile di casa

Sandro Todesco è stato trovato ormai privo di vita all'esterno della sua abitazione. Inutili i tentativi di rianimarlo: un probabile infarto lo ha stroncato poco dopo la mezzanotte

Tragedia la notte di Natale nella Bassa dove un uomo è stato trovato senza vita all'esterno della sua abitazione.

La vicenda

Si è sentito male nel cuore della notte: poco prima dell'una Sandro Todesco, 53enne residente ad Agna, sarebbe uscito in giardino, probabilmente per prendere aria avvertendo alcuni dolori preoccupanti. Poco dopo è stramazzato a terra stroncato da un malore. Il condizionale è d'obbligo: se non c'è dubbio che che la morte sia sopraggiunta per cause naturali, sulle ultime ore di vita dell'uomo stanno ancora indagando i carabinieri. Il 53enne è stato soccorso dal personale medico che ha tentato una disperata e inutile rianimazione. Ogni tentativo è stato inutile: per l'uomo non c'era più nulla da fare.

I rilievi

Sul luogo del dramma, in vicolo Sorgaglia, è stato dichiarato il decesso, con tutta probabilità dovuto a un arresto cardiocircolatorio. I militari stanno ricostruendo la storia clinica della vittima, anche se dalle prime indiscrezioni pare che il malore sia stato un vero e proprio fulmine a ciel sereno. Al termine dei rilievi la salma è stata ricomposta e affidata al carro funebre. L'imporvvisa scomparsa di Sandro, molto conosciuto in paese e che lascia l'anziana madre, ha sconvolto l'intera comunià di Agna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento