Da Albignasego alla Giordania, i quadri in 3D di Rampazzo

L'artista padovano espone le proprie opere alla Conferenza internazionale dello sviluppo turistico ad Aquaba come unico autore italiano

Flamenco, una delle opere esposte ad Aquaba da Giancarlo Rampazzo

Le opere in “3D” di Giancarlo Rampazzo, artista cinquantanovenne di Albignasego, in mostra ad Aquaba, in Giordania. Sarà l’unico autore italiano a partecipare alla Conferenza internazionale dello Sviluppo e dell'Innovazione Turistica in agenda nella città giordana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fra le altre opere, presenterà “Flamenco”, vero e proprio paradigma dello stile “fusion paint”. Negli anni Rampazzo ha cercato, e trovato, il punto d’unione e di fusione tra i vari elementi. Riesce a dare un’anima alla propria creatività attraverso la materia. Realizza opere a collage e tecnica mista, d’intonazione astratta, elegante e raffinata, d’impronta ed origine chiaramente grafica. Alla fine il risultato è in tre dimensioni. All’occhio dell’osservatore, anche di quello più profano, la superficie di questi oggetti dà una morbida sensazione e rimanda alle superfici terrestri e lunari.

“Giancarlo Rampazzo vive la pittura come continua sperimentazione – commenta Luisa Turchi, critico d’arte - Persegue una ricerca che si basa su una compenetrazione di esperienze, sulle quali si innestano, nei ritmi compositivi delle sue opere sfaccettate e divise da pause e movimenti, anche la sua cultura musicale e il suo essere musicista. L’utilizzo di materiali acrilici, poliesteri, siliconati, inserti di vetro e legno decorati è per lui fonte rigenerante della sua creatività in espansione: il gesto del creare viene ad essere parte integrante dell’opera stessa che nasce dalle sue mani, recando in sé le tracce della pulsione che l’ha generata. La tela, come un’arena aperta, fisica e mentale, è lo spazio musicale dell’azione dell’artista”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento