Controlli nei negozi: merce pericolosa per bambini e petardi senza indicazioni di sicurezza

Nell'Alta Padovana la polizia locale ha setacciato numerose attività a ridosso della festa di Halloween, riscontrando diverse irregolarità. Multato un esercente orientale

Maschere e travestimenti esposti nei reparti bambini senza i marchi di conformità, ma soprattutto decine di fuochi d'artificio venduti singolarmente, privi delle informazioni di sicurezza obbligatorie. É quanto accertato dai vigili urbani della Federazione Camposampierese, impegnati nei giorni scorsi in numerose verifiche negli esercizi commerciali.

Materiale per bambini

Gl agenti del vice comandante Luca Meneghini hanno trovato, in diversi negozi, un centinaio fra travestimenti, maschere, accessori e scherzi esposti nei reparti destinati ai più piccoli, senza però il marchio di conformità "Ce". Sulle confezioni era correttamente specificato che la merce era destinata all'uso solo da parte degli adulti, ma il posizionamento avrebbe facilmente tratto in inganno molti acquirenti, motivo per cui i negozianti hanno dovuto spostare gli articoli nella sede adeguata.

Artifici pirotecnici non in regola

Peggio è andata a un commerciante cinese di Campodarsego, che è invece stato multato per 1.500 euro. Nel suo negozio infatti erano esposti in vendita numerosi petardi e fuochi d'artificio, che l'uomo vendeva al singolo pezzo quando invece erano destinati al commercio solo in confezione. Li aveva estratti dalle scatole e sistemati in bella vista, a prezzo maggiorato. Una scelta che oltre a essere scorretta economicamente, era anche pericolosa, poiché le indicazioni di sicurezza obbligatorie erano riportate solo sulle scatole multiple e non sui singoli pezzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli anche a Natale

«La tutela del consumatore, sia dal punto di vista commerciale ma soprattutto dal punto di vista della sua sicurezza, è sempre in primo piano nelle nostre attività di vigilanza sulle imprese commerciali e sui pubblici esercizi» ha commentato Meneghini «Quest'anno abbiamo già controllato oltre cento attività, un numero in aumento rispetto agli anni scorsi. I controlli continueranno e nuove verifiche straordinarie saranno previste anche per gli acquisti natalizi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: quattro morti in provincia di Padova, anche il custode di Villa Marin

  • Coronavirus, Zaia: «Si tornerà alla normalità, ma gradualmente. Non abbassiamo la guardia»

  • Pm10 alle stelle negli ultimi tre giorni a Padova e provincia: ecco le motivazioni

  • Rientra e trova la compagna esanime: stroncata in casa da un malore fatale

  • «Via libera alla vendita di piante e fiori»: boccata di ossigeno per 450 aziende padovane

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: altri anziani morti, a Padova 2,3 positivi ogni mille abitanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento