Nuovo ospedale: il via libera della giunta regionale

Oggi la firma del provvedimento di Palazzo Balbi che dà avvio alla realizzazione del nuovo polo ospedaliero di Padova. Zaia ribadisce la volontà di portare a compimento l'opera in 5 anni

Il progetto del nuovo ospedale di Padova

Dopo l'annuncio nei giorni scorsi del presidente veneto Luca Zaia, oggi la giunta regionale ha dato seguito alle parole del governatore deliberando all'unanimità l'avvio delle procedure per la costruzione del nuovo ospedale di Padova.

IL PROGETTO. “L'iter parte oggi con l'obiettivo di concludersi tra cinque anni – ha dichiarato Zaia - Mi sembra quindi che abbiamo dimostrato l'efficienza e la rapidità promesse il 28 luglio scorso a Padova. La scelta è quella che già avevo anticipato: l’ospedale nascerà fuori città, in un’area che verrà definita in tempi brevi in accordo con gli Enti locali interessati; avrà 1.000 posti letto ed un costo preventivato di 450 milioni di euro; potrà essere realizzato in 5 anni; sarà un Policlinico Universitario di caratura internazionale, con il quale ci attrezziamo per raccogliere la sfida dei prossimi anni, quando ogni cittadino europeo potrà decidere di andare a curarsi dove meglio crede e quindi dovremo misurarci anche con il rischio della migrazione sanitaria dei nostri cittadini se non dovessero trovare il meglio in Veneto”.

I MOTIVI DELLA SCELTA. Zaia ha tenuto a precisare che la scelta si è basata su un’approfondita relazione elaborata da un tavolo tecnico composto da eminenti esperti e che si inquadra nel mosaico delineato con il nuovo Piano sociosanitario regionale approvato dalla giunta la scorsa settimana. Rispetto alle altre soluzioni da tempo ipotizzate (tra le quali quella di realizzare il nuovo ospedale ristrutturando la sede dall’attuale Azienda Ospedaliera), Zaia ha precisato che “quella prescelta è risultata di gran lunga la migliore per molti motivi: il costo pressoché uguale, la maggior velocità di realizzazione (5 anni contro 15), l’assenza totale degli inevitabili disagi per operatori e pazienti nel caso di una ristrutturazione della sede esistente”.

IL CAMPUS. Quanto alla possibilità di un annesso campus universitario, Zaia ha precisato che "sarà oggetto di discussione, anche se non possiamo pagarlo noi, perché ci sarebbe un danno erariale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Si tornerà alla normalità, ma gradualmente. Non abbassiamo la guardia»

  • Tutto quello che c'è da sapere sul coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Pm10 alle stelle negli ultimi tre giorni a Padova e provincia: ecco le motivazioni

  • Rientra e trova la compagna esanime: stroncata in casa da un malore fatale

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: altri anziani morti, a Padova 2,3 positivi ogni mille abitanti

  • I familiari non riescono a contattarla: 55enne rinvenuta cadavere in casa

Torna su
PadovaOggi è in caricamento