Cinque parchi cittadini pubblici gestiti da privati: la proposta di Palazzo Moroni

Mediante affidamento in concessione in seguito alla pubblicazione di un bando pluriennale: i gestori dovranno in cambio organizzare eventi e iniziative culturali rivolte a tutte le fasce di età

L'amministrazione comunale riduce i costi, mentre il concessionario potrà coprire le spese con un'attività economica svolta all'interno. E vissero tutti felici e contenti: Palazzo Moroni ha avanzato la proposta di affidare la gestione di cinque parchi cittadini pubblici a dei soggetti privati.

La delibera

Lo si evince da una delle delibere dell'ultima seduta della Giunta comunale, in cui si legge che l'amministrazione “intende procedere alla pubblicazione di un bando poliennale di durata minima triennale per individuare più soggetti che s’impegnino a gestire i seguenti Parchi: Parco Lungargine Terranegra con relativo chiosco; Parco Milcovich di via J. Da Montagnana; Parco Morandi di via G. Duprè; Parco Villa Berta di via Vigonovese; Parco degli Alpini di via Capitello”. Tra gli scopi dell'iniziativa “promuovere la realizzazione di manifestazioni e eventi culturali per incrementare la socializzazione e il presidio delle aree verdi pubbliche”. E così sarà: la delibera, infatti, sottolinea che “il bando poliennale, elaborato a cura del Settore Verde, Parchi e Agricoltura Urbana, dovrà prevedere a carico del concessionario l’organizzazione di iniziative culturali ed eventi che promuovano l’aggregazione, la socialità e la promozione della vita negli spazi verdi; che le iniziative culturali dovranno essere rivolte a tutte le fasce di età e che dovranno essere garantiti il presidio e la vigilanza dell’area; che il bando preveda azioni gestionali improntate alla sostenibilità ambientale; che il bando preveda, a carico del concessionario, opere di miglioramento, azioni gestionali, interventi di cura e manutenzione del parco e delle strutture; di riservare per l’Amministrazione l’uso (esclusivo e non condiviso con il concessionario) dell’intero parco al fine di organizzare eventi, direttamente o in collaborazione con soggetti terzi, per uno spazio temporale pari a trenta giorni all’anno da utilizzarsi secondo le esigenze dell’Amministrazione, anche per un solo periodo continuativo all’interno del periodo della durata della concessione”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapina alla sala slot di Tencarola il video shock

  • Cronaca

    Blocco del traffico per il Pm10: smog in crescita, prosegue il "Semaforo Arancione"

  • Cronaca

    Adesca un ragazzino in strada: soldi in cambio di sesso. Ma la vittima lo incastra

  • Cronaca

    Un abbraccio e l'orologio d'oro sparisce: caccia alla scippatrice dai capelli neri

I più letti della settimana

  • Dramma nell'Alta Padovana: 47enne si spara in testa dopo aver litigato con la moglie

  • Blitz all'alba: smantellata la banda dei furti in ville e appartamenti, sette arresti

  • Giovane atleta padovano di 16 anni trovato morto nel sonno: a scoprirlo il padre

  • Fuga di gas: abitazione saltata in aria, crollata anche l’ultima porzione di casa

  • Stroncato da un misterioso virus nel giro di una settimana: scomparso il medico Salvatore Albanese

  • Perde il controllo della macchina e sfonda la vetrata del ristorante: paura a Ponte di Brenta

Torna su
PadovaOggi è in caricamento