Parto di emergenza riuscito alla perfezione: la "nascita-lampo" di Ginevra a Camposampiero

Papà Rino e mamma Aliuska ringraziano «tutta l’équipe medica e infermieristica e ci complimentiamo per l’immediata organizzazione in un momento di estrema urgenza. Quando siamo arrivati erano tutti lì, pronti a intervenire»

Ginevra e i suoi genitori con l'équipe di Camposampiero

«Ringraziamo tutta l’équipe medica e infermieristica e ci complimentiamo per l’immediata organizzazione in un momento di estrema urgenza. Quando siamo arrivati erano tutti lì, pronti a intervenire. Coordinazione perfetta!». Papà Rino e mamma Aliuska raccontano con sollievo la nascita della loro secondogenita, Ginevra, venuta al mondo la sera di martedì 26 novembre in condizioni di emergenza.

Parto Ginevra 2-2

Il parto

Quando i due neogenitori residenti a Borgoricco arrivano al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Camposampiero la bimba è ormai sul punto di uscire, tanto che mamma Aliuska non ha nemmeno la forza di scendere dall’auto. Rino chiede aiuto in Pronto Soccorso e in un lampo scatta la macchina dell’emergenza: il primario di reparto Giuseppe Marinaro fa entrare l'auto dalla rampa di accesso delle ambulanze, mentre il collega Mario D’Agata allestisce d’urgenza una sala parto in Pronto Soccorso. Aliuska può così essere trasferita sul lettino attorno al quale si radunano la pediatra Nicoletta Doglioni, gli ostetrici Roberto Franzoi e Susanna Silvestrin, che optano per il parto naturale immediato. Ginevra nasce al volo con i suoi 3 chili e 560 grammi e un vagito che al Pronto Soccorso di Camposampiero non dimenticheranno molto presto...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

  • Coronavirus: primi due casi sospetti nel Padovano, l’ospedale di Schiavonia verrà svuotato

Torna su
PadovaOggi è in caricamento