Pfas: la Regione ha posto limite "0" nelle acque destinate al consumo umano

Interviene il commissario delegato per i primi interventi urgenti di Protezione Civile in conseguenza della contaminazione da PFAS delle falde idriche

Riceviamo e pubblichiamo

In relazione a quanto dichiarato in questi giorni da alcuni esponenti politici del Partito Democratico sulla necessità espressa dalla Regione del Veneto di porre limiti zero PFAS, il Commissario delegato per i primi interventi urgenti di Protezione Civile in conseguenza della contaminazione da PFAS delle falde idriche nei territori delle province di Vicenza, Verona e Padova, Nicola Dell’Acqua precisa quanto segue:

I nuovi riferimenti

«La Regione del Veneto ha provveduto a definire nuovi livelli di riferimento per i valori di performance delle sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) nelle acque destinate al consumo umano con la deliberazione della Giunta Regionale n. 1590 del 3 ottobre 2017 e con la n. 1591 è stato posto il limite PFAS zero per la zona rossa. Il provvedimento è stato preso in assenza di limitazioni nazionali ed europee in materia, con tutto ciò che questo comporta. La Regione, infatti, a tutela dei propri cittadini, si è posta dei limiti, per l’intero territorio regionale e, comunque, diversi dalla zona rossa, dove i limiti sanitari per i PFAS catena lunga sono addirittura zero, unica zona al mondo dove vengono applicati termini di limitazione così restrittivi. Nel corso di questi anni, anche in seguito alle conclusioni della Commissione Bicamerale Ecoreati del 14 febbraio 2018 che evidenziava la mancanza di limitazioni nazionali in materia PFAS, sia per le acque a consumo potabile che per gli scarichi industriali, sono state inviate richieste a più livelli affinché il Ministero dell’Ambiente, allora presieduto dal ministro Galletti, prendesse in considerazione l’adozione di limiti più ristretti in materia».

Limiti nazionali

«Sorprende, infine, che manchino a livello di Commissione Europea provvedimenti in materia. Ribadisco che, innanzi tutto, servono limiti nazionali a tutela dell’ambiente poter rendere efficaci le misure adottate in Regione del Veneto: senza il supporto di normativa nazionale in tema PFAS zero l’azione regionale rischia di essere molto limitata. Tutto ciò come visibile e riscontrabile nella copiosa documentazione inviata alla competente Commissione del Consiglio Regionale Veneto nell’indagine sui PFAS».

Potrebbe interessarti

  • Tre concorsi pubblici per 100 nuove assunzioni: ecco come iscriversi

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Pfas, prosegue il piano di screening: quasi 52.000 persone invitate e più di 31.000 visitate

  • Consigli e suggerimenti per avere la lavastoviglie pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Impatto fatale sul guardrail tra i monti del Trentino: muore motociclista 33enne di Rubano

  • Si schiantano su un campo dopo lo scontro in autostrada: sei feriti di cui due gravi

  • Frontale tra due auto, una finisce nel fosso. Due feriti, donna elitrasportata

  • Arresto cardiaco durante l'inaugurazione del "Pride Village": ricovero d'urgenza in ospedale

  • Schianto in superstrada: tre feriti, uno è grave. Sversamento di gasolio sulla carreggiata

  • Malore al Pride Village, decesso in ospedale per il 28enne colpito da arresto cardiaco

Torna su
PadovaOggi è in caricamento