Chiuso il capitolo Prandina, Bitonci: "Adesso un grande parcheggio in centro città"

Il sindaco guarda al futuro dell'ex base militare di via Orsini: "Un grande risultato la chiusura del centro di prima accoglienza, ora mille posti auto per favorire commercio e turismo"

I moduli abitativi installati all'interno del centro di prima accoglienza delll'ex caserma Prandina

Quello del centro di prima accoglienza all'ex caserma Prandina di via Orsini è un capitolo definitivamente chiuso. L'ex base militare, che dal luglio 2015 era stata utilizzata per ospitare i profughi in arrivo a Padova, si appresta a divenire - nelle intenzioni di un soddisfatto sindaco Massimo Bitonci - il grande parcheggio scambiatore del centro città. Un progetto di cui il primo cittadino non ha mai fatto mistero, affermando, di contro, ripetutamente la propria contrarietà ad un "campo per clandestini all'interno di un centro storico".

"UN GRANDE PARCHEGGIO". "È un grande risultato ottenuto da Amministrazione, commercianti e residenti - commenta la chiusura della Prandina, il sindaco Bitonci - a breve incontreremo i vertici del Demanio - prosegue - l'Amministrazione ha già fatto richiesta per quello che diventerà il grande parcheggio scambiatore e turistico della città. A Padova, le realtà commerciali vanno meglio e il turismo è in grande crescita, ma la gente si muove in macchina e quindi c'è bisogno di parcheggi grandi: io penso che potremo creare almeno mille posti auto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento