Morte della giovane Eleonora: i genitori andranno a processo il 7 febbraio

È stato respinto dalla corte di cassazione il ricorso di Lino e Rita Bottaro, i genitori della diciottenne di Bagnoli di Sopra morta nel 2016 per una leucemia curata con vitamine

È stato respinto dalla corte di cassazione il ricorso di Lino e Rita Bottaro, i genitori di Eleonora, la diciottenne che abitava a Bagnoli di Sopra morto per una leucemia curata con vitamine il 24 agosto del 2016. I due genitori per la figlia avevano aderito al metoro Hamer. La coppia è accusata di omicidio colposo aggravato dalla previsione dell’esito. L’avvocato aveva fatto ricorso alla suprema corte per opporsi alla decisione con cui la corte d’appello aveva annullato la decisione di scagionare i genitori presa dal Gup.

Il processo

Il processo di primo grado prenderà il via il prossimo 7 febbraio. Secondo il Gup Mariella Fino la giovane era “adulta” e quindi in grado di decidere sul suo conto senza farsi influenzare dai genitori. Di diversa opinione il procuratore aggiunto Valeria Sanzari che fece ricorso in appena e ritiene che ci siano evidenti responsabilità dei genitori di non sottoporsi alle cure tradizionali per guarire il tumore.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Stroncato da un malore: imprenditore muore nell'azienda fondata quarant'anni fa

  • Tremendo schianto fra tre mezzi: centauro trentenne muore in ospedale

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Vintage Festival, festa dell’uva e del vino, incontri culturali e sagre: il weekend a Padova

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

Torna su
PadovaOggi è in caricamento