Case di appuntamenti e prostituzione via call center: 3 arresti

L'operazione è dei carabinieri di Genova, ma blitz sono stati compiuti anche a Padova e in altre città del nord. 3 cinesi sono finiti in manette e 16 "casini" sequestrati

Case d'appuntamento nel centro Italia e anche al nord, tra cui Padova. Il fulcro però era Milano, dove due donne cinesi rispondevano a un call center a cui chiamavano clienti adescati con annunci su giornali e siti internet. Appuntamenti poi smistati in sedici “casini” dislocati, oltre che a Padova, a Perugia, Reggio Emilia, Como, Varese, Lodi, Firenze, Verbania ed Ivrea.

Le indagini sono partite da una segnalazione che ha permesso ai carabinieri di Rivarolo di trovare la prima casa d’appuntamento nel ponente di Genova, da lì l'indagine si è allargata a tutto il nord. Gli appartamenti sono stati sequestrati mentre in manette sono finiti il boss dell’organizzazione, Liu Weng, di 38 anni, e le due centraliniste, Yang Mei, 37 anni, e Zhang Ling, di 47. Da quanto accertato dai carabinieri, i clienti erano rigorosamente italiani e le tariffe andavano dai 50 ai 100 euro. Sequestrati anche cellulari e libri contabili dell'organizzazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento