Rapina in gioielleria: in manette anche gli ultimi due componenti della banda

I fatti si riferiscono al dicembre 2016 quando i malviventi, armati, avevano rapinato una gioielleria di Pistoria e un rappresentante orafo. Nell'immediato erano stati arrestati tre giostrai di Padova. A seguito di indagini sono stati fermati gli altri due malviventi

La refurtiva recuperata

Si chiude il cerchio sulla rapina a mano armata ai danni di una gioielleria e di un rappresentante orafo avvenuta nel dicembre scorso in provincia di Pistoia. Gli agenti della mobile di Padova dopo l'arresto di tre italiani, già noti alle forze dell’ordine e appartenenti alla comunità giostraia, hanno identificato e arrestato gli altri due componenti della banda.

ARRESTI. Si tratta di T.A., 31enne, e G.R., 35enne, entrambi residenti a Prato. I due sono stati trovati nella propria abitazione. L'accusa nei loro confronti è di rapina e ricettazione.

RECUPERATO L'INGENTE BOTTINO. L’indagine, coordinata dal pm Roberto D’Angelo, aveva consentito il rinvenimento dell'ingente bottino della rapina oltre a disturbatori di frequenze, passamontagna, arnesi da scasso e le armi utilizzate per la rapina.