Plebiscito.eu, delegazione dei Dieci vota "l'esenzione fiscale totale"

I rappresentanti della "Repubblica Veneta" lunedì sera hanno tracciato il loro piano operativo partendo dalla questione fiscale: "Il pagamento di tasse a governi stranieri - dichiarano - oltreché immorale è illegittimo"

Indipendentisti veneti in piazza

Stilato lunedì sera a Padova il primo calendario operativo della cosiddetta Repubblica Veneta. Riunita nella sede di Padova di Plebiscito.eu, la Delegazione dei Dieci (primo organo eletto dagli indipendentisti) ha iniziato votando un "decreto di esenzione fiscale totale" che, si legge in una nota diffusa dal movimento, "resterà in vigore nel periodo di transizione sino all’operatività delle istituzioni della Repubblica Veneta". "In virtù di tale esenzione - proseguono gli indipendentisti - si è decretato che il pagamento di tasse a governi stranieri oltreché immorale è illegittimo".

UFFICI E ANAGRAFE LOCALI. Il piano di "obiezione fiscale", nei piani degli organizzatori, sarà promosso da uffici locali che dovranno costruire un'anagrafe locale dei cittadini e delle attività produttive al fine di contattare ed informare capillarmente la popolazione e le imprese.

"SGOMBERARE LE ISTITUZIONI". "I rapporti diplomatici con lo Stato italiano - scrivono i venetisti - avverranno esclusivamente sotto monitoraggio internazionale. La Repubblica Veneta nella sua forma embrionale deve combattere per sgomberare le istituzioni illegittime che occupano il territorio. È stata quindi fissata la roadmap del periodo di transizione che prevede le seguenti macro-fasi: esenzione fiscale, introduzione fiscalità veneta (provvisoria), controllo del territorio (con erogazione servizi), assemblea costituente".

CONTATTI CON ALTRI INDIPENDENTISTI. Nel corso della riunione di lunedì sera i delegati hanno annunciato l'avvio di relazioni con altri gruppi indipendentisti, tra i primi Sardi, Siciliani e Friulani, "per esportare le tecniche di liberazione e lotta che hanno caratterizzato la legittimazione della Repubblica Veneta al fine di piegare la volontà dell’invasore italiano".

CONVENTION NAZIONALE A PADOVA. È stata infine convocata una "convention nazionale" che si terrà a Padova domenica  30 marzo a partire dalle ore 9 al centro congressi Albino Luciani. L’ordine del giorno prevede: condivisione della strategia adottata, spiegazione e avvio delle varie fasi di lavoro e di organizzazione della Repubblica Veneta.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Sergio Giordani sindaco, l'insediamento a palazzo Moroni e l'incontro con il commissario

  • Cronaca

    Nuovo ospedale, querelle Zaia-Giordani parla il rettore Rizzuto: "Bisogna fare presto"

  • Cronaca

    Maltempo in Veneto, 20 gli interventi nel Padovano: alberi sradicati e rami sulla strada

  • Cronaca

    La denuncia del sindacato degli studenti, aule studio "storiche": "Mancano posti, clima, wi-fi"

I più letti della settimana

  • Tragedia a Monselice, colto da un malore mentre è solo in casa: muore ristoratore

  • Investimento mortale a Monselice, su Bologna - Venezia circolazione ferroviaria sospesa

  • Maltempo in Veneto, 20 gli interventi nel Padovano: alberi sradicati e rami sulla strada

  • Omicidio al bar di Cadoneghe, 37enne muore scaraventato per le scale: preso l'assassino

  • Tragedia a Conselve, si accascia e muore durante la partita di calcetto con gli amici

  • Corteo anti-vax in centro storico, in 4mila chiedono la libertà di scelta in Veneto

Torna su