Nuova vita per l'affresco trecentesco della chiesa di Santa Sofia: al via il restauro

É stato affidato a una restauratrice e a una conservatrice la rivitalizzazione dell'opera posta nella lunetta del presbiterio dell'antica chiesa, luogo simbolo della città di Padova

È partito in queste settimane l’intervento di restauro che interessa l’affresco della lunetta del presbiterio della chiesa di Santa Sofia, “cuore antico della città di Padova”, raffigurante la Madonna in trono con Santi e committenti.

L'opera

Un affresco di ampie dimensioni, circa 230x300 cm, datato al terzo decennio del XIV secolo, ritenuto di ascendenza “giottesca”, di cui si erano perse le tracce fino al 1907, in quanto vi era stata sovrapposta, nell’Ottocento, una Pentecoste firmata dal pisano Simone Merlini. Gli interventi che hanno riguardato il ripristino dell’antica chiesa romanica a inizio XX secolo hanno permesso di ritrovare le decorazioni trecentesche.

Il restauro

Lo stato di conservazione non ottimale richiede un intervento che permetta un’accurata ripulitura, la verifica dell’effettivo “stato” dell’affresco, una più accurata conoscenza della tecnica esecutiva, il rilevamento di eventuali rifacimenti e/o rifiniture a secco. Il tutto sarà poi utile per un confronto con i dati storici e d’archivio per dare una lettura più completa dell’apparato iconografico di Santa Sofia e per restituire alla città e ai molti turisti e visitatori, un altro prezioso frammento della storia di una delle chiese più antiche di Padova, che contribuirà anche ad arricchire di ulteriori informazioni la conoscenza della pittura e delle tecniche esecutive del Trecento padovano, che rappresentano un’evidenza nella storia dell’arte internazionale. L’intervento è stato affidato dalla parrocchia di Santa Sofia alla restauratrice Valentina Piovan e rientra in un progetto più ampio di valorizzazione degli antichi affreschi della chiesa di Santa Sofia e in particolare delle raffigurazioni della Vergine Maria, coordinato da Elisabetta Favaron, fundraiser e conservatrice dei beni culturali.

Il sito

Il progetto, avviato nel novembre 2016, comprende un lavoro di studio per la valorizzazione delle opere pittoriche di Santa Sofia, l’individuazione di possibili finanziatori e la realizzazione di un testo. Ora, grazie al contributo di 4mila euro della Fondazione Antonveneta e di altri 5mila euro da parte di una parrocchiana mecenate, sarà possibile concludere in breve tempo il restauro, e successivamente realizzare una pubblicazione divulgativa sul percorso, sui risultati che emergeranno, ma anche fornendo un itinerario di lettura delle immagini devozionali raffiguranti la Madonna presenti in vari luoghi della chiesa. La chiesa di Santa Sofia, infatti, a differenza di altre realtà locali, non conserva cicli di pitture di epoca medievale, ma solo interventi isolati, per lo più raffiguranti la Madonna con il Bambino, che allo stato attuale degli studi, non sembrano appartenere a cicli più ampi, ma rappresentano preziose testimonianze pittoriche di età romanica a Padova.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento