Barriere linguistiche: la Regione finanzia l'utilizzo della LIS, risorse anche per gli enti associativi

«Abbattere le barriere alla comunicazione in un ambito essenziale per i bisogni dei cittadini, qual è quello dell’assistenza sanitaria e sociale, è un dovere di civiltà

La Regione Veneto continua a investire nel linguaggio dei segni per favorire l’inclusione sociale delle persone sorde o sordocieche: in attuazione della legge 11/2018 promuove l’integrazione sociale dei portatori di deficit comunicativi e di linguaggio attraverso il superamento delle barriere comunicative. La Giunta regionale del Veneto ha stanziato – su proposta dell’assessore alla sanità e al sociale Manuela Lanzarin – 200 mila euro per il 2019 per implementare il ricorso a canali comunicativi tecnologici, come il videointerpretariato nella lingua dei segni, e in particolare per formare il personale delle aziende sanitarie e dei servizi sociali ad apprendere la lingua dei segni (Lis) e la lingua tattile (List).

Rimozione delle barriere comunicative

«Abbattere le barriere alla comunicazione in un ambito essenziale per i bisogni dei cittadini, qual è quello dell’assistenza sanitaria e sociale, è un dovere di civiltà – dichiara l’assessore Lanzarin – L’utilizzo della lingua dei segni, e di quella tattile per le persone sordocieche, da parte del personale medico e degli operatori dei servizi rappresenta un fondamentale fattore di integrazione e inclusione sociale per persone che hanno gravi problemi uditivi, di vista e di comunicazione. Con il programma annuale degli interventi per la rimozione delle barriere comunicative intendiamo promuovere corsi di formazione nelle Ulss, nelle aziende ospedaliere e nello Iov per abilitare gli operatori più a diretto contatto con pazienti con disabilità uditive e della vista all’utilizzo di questi strumenti di comunicazione». Oltre ad investire sul superamento delle barriere comunicative nel servizio sociosanitario, la Regione quest’anno  incentiva anche la capacità progettuale e innovativa delle associazioni storiche del mondo della disabilità: le associazioni dei mutilati e invalidi civili (Anmic), vittime civili di guerra, sordomuti (Ens), Centro del libro parlato ‘Adriano Sernagiotto’, ciechi (Uic) e mutilati per servizio (Unms) possono disporre quest’anno, oltre al contributo annuale di 190 mila euro per le attività istituzionali, di un ulteriore fondo di 100 mila euro che andrà a cofinanziare progetti e iniziative innovative a servizio degli assistiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Potenziare il ruolo di promozione sociale

«Alle associazioni – spiega Lanzarin - chiediamo di potenziare le attività di sportello nel territorio e di aprirsi a collaborazioni con Ulss, comuni ed enti pubblici per sostenere iniziative di integrazione scolastica e lavorativa, accompagnamento, fornitura di libri di testo e ausilii o altri servizi innovativi che rispondano alle esigenze dei loro assistiti. Il cofinanziamento regionale potrà essere di stimolo e di supporto per aggiornare e potenziare il ruolo di promozione sociale e di inclusione che queste associazioni svolgono da decenni, con continuità e capillarità territoriale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

  • Coronavirus, Navalesi: «In Veneto il virus è clinicamente morto, oggi il problema è sotto controllo»

  • Live - Sangue sulle strade. Arrestato l'ex vicepresidente del Padova. Rogo sui Colli

Torna su
PadovaOggi è in caricamento