Alla Pediatria di Padova arriva il robot Pepper: gioca, balla e scherza con i bimbi ricoverati

L'umanoide ad alta tecnologia è stato donato ufficialmente al reparto grazie alla Fondazione Salus Pueri e la ditta Omitech Srl

Il robot umanoide Pepper ha trovato casa tra i bambini della Pediatria dell'Azienda ospedaliera di Padova. Sabato mattina l'automa ad alta tencologia, disponibile in Europa solo da pochi mesi, è stato consegnato ufficialmente al professor Giorgio Perilongo, direttore del Dipartimento di Salute della Donna e del Bambino. La donazione è stata possibile grazie all'attività della Fondazione Salus Pueri.

UN NUOVO AMICO. Dopo l'esperienza avuta lo scorso anno con il robottino Nao che, all’interno dei reparti di Pediatria, univa le attività ludico-ricreative a quelle medico-terapeutiche, da oggi i piccoli ricoverati potranno contare anche su Pepper. Il robot li accompagnerà nei corridoi o andrà a trovarli nelle loro stanze, durante l'attesa di un intervento o nel corso di una terapia, parlando o giocando, reagirà alle loro emozioni. Sarà un utile strumento, nelle mani di medici, infermieri, psicologi ed educatori, per prevenire e ridurre stati di ansia e dolore pediatrico. 

LA TERAPIA. La "robot therapy" è già utilizzata in ospedali giapponesi, canadesi, svizzeri, belgi, francesi, ma rappresenta ancora una novità per il nostro paese. L'utilizzo di un umanoide nella Pediatria di Padova è stato infatti, il primo studio pilota in un ospedale universitario italiano (Anno accademico 2015/16). Per questo motivo, come previsto dal progetto Baby Goldrake della Fondazione Salus Pueri, l’interazione tra piccoli pazienti e Pepper sarà anche valutata da un’equipe di ricercatori con l’obiettivo di valutare se questo strumento è in grado di facilitare il lavoro dello staff medico e infermieristico e di migliorare l'umore dei piccoli pazienti. 

LA DONAZIONE. L'acquisizione del robot è stata possibile grazie al sostegno della ditta Omitech Srl. Hanno partecipato alla cerimonia di consegna di Pepper il direttore della Pediatria di Padova, il professor Giorgio Perilongo e il dottor Roberto Mancin, responsabile dello sviluppo di sistemi e tecnologie informatiche innovative del Dipartimento di salute della donna e del bambino.

L'ASSOCIAZIONE. La Fondazione Salus Pueri è composta da genitori, medici, professionisti, imprenditori, rappresentanti del mondo finanziario ed economico che nel 1992 si sono riuniti per raccogliere fondi a supporto dell’attività della Pediatria di Padova e per promuovere una cultura a favore del bambino e della sua famiglia. La Fondazione Salus Pueri è stata la prima, ed è ancora, l’unica fondazione nel Veneto che promuove la salute di tutti bambini, indipendentemente dalla malattia di cui soffrono.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nubifragio su Padova: strade allagate, alberi caduti, danni agli edifici storici

  • Cronaca

    Frontale sulla provinciale 516, muore un giovane di Arzergrande

  • Cronaca

    Comando provinciale carabinieri: i dati dell'attività di contrasto alla diffusione di stupefacenti

  • Politica

    Ecofuturo, intervista a Jacopo Fo: "Non c'è una svolta ecologica, si solo è capito che le eco tecnologie portano profitto"

I più letti della settimana

  • Schiacciato dai debiti della ditta di famiglia, imprenditore 24enne si suicida in azienda

  • Nubifragio su Padova: strade allagate, alberi caduti, danni agli edifici storici

  • L'amore finisce, ma non rinuncia all'auto della ex. Poi la sorpresa: l'Audi è sotto sequestro

  • Bovolato, Gourmetteria: "Una causa contro 4 Ristoranti? Assolutamente no, ma non ripeterei l'esperienza"

  • Allerta meteo nel Padovano: piogge, grandine e vento forte. GLI AGGIORNAMENTI LIVE

  • 4 Ristoranti, la risposta della produzione alla Gourmetteria: "Trovi spunti per migliorare"

Torna su
PadovaOggi è in caricamento